La Consulta dice sì al matrimonio di un immigrato irregolare e una cittadina italiana



La Corte Costituzionale ha così bocciato parte dell’articolo 116 del codice civile dopo che una catanese e un marocchino si erano rivolti al Tribunale di Catania



La sentenza di ieri della Consulta ha sancito l’incostituzionalità di ogni “ostacolo” al matrimonio derivante dalla mancanza di possesso di un regolare permesso di soggiorno in Italia. In altre parole, ed è quello che qui preme sottolineare, ha sancito il riconoscimento di un diritto umano fondamentale.


Con la sentenza n 245 del 25 luglio 2011 infatti la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 116 del codice civile come modificato dall’art. 1, comma 15, della legge 15 luglio 2009, n. 94 (disposizioni in materia di sicurezza pubblica – cosiddetto pacchetto sicurezza), nella parte in cui prevede l’obbligo di presentare all’ufficiale di Stato civile un documento attestante la regolarità del soggiorno in Italia.


Per quanto giustificato sia il controllo delle frontiere e dei flussi migratori e, in particolare, l’assoggettamento dello straniero a norme e prassi specifiche, a tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico, e per quanto sia riconducibile a tale scopo contrastare i “matrimoni di comodo” di stranieri con cittadini italiani (al fine di ottenere un titolo di soggiorno), la Corte ritiene che la norma non realizza “un ragionevole e proporzionato bilanciamento dei diversi interessi coinvolti”. I giudici sottolineano inoltre che il limite introdotto dal pacchetto sicurezza riguarda anche i cittadini italiani, poiché si verifica (o meglio, si verificava fino alla data della pronuncia) una “compressione” del loro fondamentale diritto a contrarre matrimonio.

TG.COM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio