Come per il matrimonio anche in sede di separazione chi ha un sospetto – sulla reale consistenza del patrimonio dell’altro – parli subito. O taccia almeno fino al prossimo round giudiziario.
La sentenza e l’atto di separazione consensuale omologata, infatti, risultano modificabili soltanto se sopravvengono nuovi eventi in grado di alterare la situazione precedente: non contano i fatti preesistenti che non furono presi in considerazione. E ciò anche quando questi ultimi sono elementi che potevano rappresentare una realtà diversa e far giungere ad altre valutazioni. Un esempio? Il caso del marito imprenditore che, prima della separazione, viene liquidato dai soci all’insaputa della moglie casalinga: oltre al denaro, lui riceve azioni grazie alle quali assume il controllo di altre società che garantiscono lauti guadagni. Ma questo non basta a far aumentare l’assegno di mantenimento per lei.
È quanto emerge dalla sentenza 14093/09 della Cassazione.
Il fatto che dopo la sottoscrizione delle condizioni della separazione consensuale si sia acquisita la conoscenza della reale consistenza delle sostanze dell’obbligato – che aveva nascosto il suo patrimonio alla moglie (si è scoperto che aveva partecipazioni anche in altre società) – non rappresenta uno dei “giustificati motivi” richiesti dall’ultimo comma dell’articolo 156 Cc (codice civile) per mettere in moto il procedimento camerale di modifica dei provvedimenti sulla separazione dei coniugi: gli unici elementi in grado di attivare la revisione secondo l’articolo 710 del codice di procedura civile sono accadimenti di ordine materiale che comportano “immutazione della realtà fenomenica”. Insomma: ciò che è accaduto prima della sentenza e della firma della “consensuale” non conta, mentre il procedimento di revisione dell’assegno non risulta comunque bloccato dalla pendenza del giudizio di divorzio (Cassazione 813/09).
La natura decisoria e “definitiva” dei provvedimenti che riguardano il mantenimento e il rapporto con i figli e investono i diritti e i doveri dei genitori va riferita alla situazione esistente al momento della decisione: il fatto che siano suscettibili di revisione in ogni tempo non incide sulla loro natura. Essi, dunque, sono ricorribili per cassazione ex articolo 111 della Costituzione: la circostanza che, nella specie, il provvedimento impugnato di fronte alla Suprema corte abbia pronunciato sia sul mantenimento in favore del coniuge sia sul contributo in favore dei figli non impedisce la ricorribilità per cassazione.


LA STAMPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Alessandra
    "Sono separata da 14 anni e mezzo e la guerra... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Per le leggi esistenti in Italia come anche all'estero la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio