La Corte di Cassazione, con ordinanza 24 agosto 2018, n. 21178 (Prima sezione), ha nuovamente sancito che nell’ambito dei procedimenti familiari non si seguono la regole generali sull’onere della prova, ribadendo che rientra tra i poteri d’ufficio del giudice istruttore quello di ordinare mezzi istruttori per finalità pubblicistiche attinenti alla tutela dell’interesse preminente del minore.

Tali poteri istruttori hanno valenza sia rispetto alla quantificazione dell’importo dell’assegno di mantenimento per i figli, sia rispetto alla necessaria audizione del minore nei giudizi relativi a provvedimenti che lo riguardano, laddove il giudice può ritenere la stessa inopportuna qualora contrasti con il superiore interesse del fanciullo.

Avv. Claudio Sansò

Presidente AMI Salerno / Coordinatore Nazionale

Una risposta a Il giudice ha poteri istruttori attinenti alla tutela del minore

  • Diomira Italia Mosca scrive:

    La moglie legalmente separata può e se si, come, chiedere all’agenzia delle entrate il reddito imponibile dell’ ex-coniuge e senza intervento di un legale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  carmelo montalbano
    "lamia ex mi aveva denunciato per maltrattamenti i servizi sociali... "
    Leggi tutto...
  •  massimiano
    "sono 15 anni che vivo questa situazione. non possiamo farci... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio