Non sarà più il giudice del luogo dove i coniugi avevano l’ultima residenza comune a decidere sul loro divorzio. Lo ha stabilito la Corte costituzionale che, con la sentenza n. 169 depositata ieri, ha dichiarato illegittimo, perché viola il principio di uguaglianza, questo criterio di competenza territoriale, introdotto nella legge sul divorzio (la 898/70) dalla legge 80/05.
Per la Consulta il criterio è «manifestamente irragionevole» perché, quando si arriva alla domanda di divorzio, «nella maggioranza delle ipotesi, la residenza comune è cessata». Di conseguenza, «non è ravvisabile alcun collegamento fra i coniugi e il tribunale» del luogo dell’ultima residenza comune.
Una situazione che si è presentata proprio nella causa da cui è partita l’ordinanza diretta alla Corte costituzionale: l’ultima residenza comune della coppia era fissata a Napoli ma, al momento di presentare la domanda per ottenere lo scioglimento del matrimonio, il coniuge ricorrente risiedeva in provincia di Rimini e il resistente nei dintorni di Pisa. Benché la legge 898/70 (all’articolo 4, comma 1) imponesse di presentare la domanda di divorzio a Napoli, il ricorrente l’aveva trasmessa al tribunale di Pisa; che, in un primo tempo, aveva rilevato d’ufficio la propria incompetenza territoriale, ma poi, di fronte all’insistenza dei coniugi che hanno eccepito l’incostituzionalità della norma, ha rimesso la questione all’esame della Consulta.
La Corte costituzionale ha fatto saltare il criterio «dell’ultima residenza comune», anteposto nel 2005 agli altri criteri già fissati in precedenza. Si tratta di criteri, ha precisato la Corte, «inderogabili e successivi»: vale a dire che il ricorrente non può utilizzarne uno a meno che quello precedente non ricorra. E, per superare il criterio “dell’ultima residenza”, non era sufficiente che fosse venuta meno, ma occorreva che non fosse mai esistita.
Con la scomparsa del criterio “dell’ultima residenza comune”, la competenza territoriale delle cause di divorzio torna a prima del 2005. La domanda deve essere presentata al giudice del luogo dove il coniuge convenuto ha la residenza o il domicilio o, se risiede all’estero o è irreperibile, al tribunale del luogo di residenza o di domicilio del ricorrente o ancora, se anche quest’ultimo risiede all’estero, a qualunque tribunale della Repubblica. Nulla cambia per la domanda congiunta, che si può proporre indifferentemente al tribunale del luogo di residenza o di domicilio di uno dei coniugi.


Tratto da “Il Sole 24 ore”

Una risposta a IL DIVORZIO CAMBIA GIUDICE

  • Danila scrive:

    Donna separata che ha mantenuto la residenza nella città dove ha celebrato matrimonio(Napoli) vuole chiedere il divorzio dall ex marito che nel frattempo non solo ha cambiato residenza in riscaldino (Milano) ma E’ stato condannato con sentenza definitiva per estorsione con modalita’ mafiose alla pena di 7annied4mesi(dascontareancora circa3anni) detenuto presso il carcere di Voghera.la donna di Napoli a quale giudice deve presentare ricorso per il divorzio? Napoli o Milano? Secondo me Napoli. Se e’possibile un chiarimento ve ne sarei grata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vincenzo
    "Parliamo sempre delle stesse porcherie, é tutto una truffa legalizzata,... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Mi sto chiedendo a cosa possa servire scrivere qua le... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
19
ven
08:30 Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Ott 19@08:30–13:30
Figli in attesa. Approfondimenti sulla filiazione ex lege @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo | Palermo | Sicilia | Italia
Evento accreditato dal COA di Palermo con 3 crediti fomativi. Iscrizioni via e-mail a palermo@ami-avvocati.it locandina figli in attesa palermoCondividi...Facebook1Google+0TwitterLinkedin
14:00 50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
Ott 19@14:00–19:30
50 sfumature di violenza intrafamiliare - esperienze a confronto @ Residenza di Ripetta -  Sala Bernini - ROMA | Roma | Lazio | Italia
Evento formativo in via di accreditamento dall’Ordine degli Avvocati di Roma. AMI_Mani_Violanza09_2018 Scarica la Scheda d’iscrizione  Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Ott
26
ven
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio