Il Tribunale di Milano, con ordinanza del 18 febbraio 2014, ha accolto la domanda possessoria presentata da una donna, in nome proprio e della figlia minore, che era stata estromessa dalla casa familiare, di esclusiva proprietà del compagno.

In particolare, il giudice di merito ha preso in esame il caso di una donna che, al rientro dalle vacanze estive insieme alla figlioletta, è stata cacciata via, in modo violento, dalla casa familiare e privata delle chiavi per rientrarvi.

A seguito di ciò, la donna si è rivolta al Tribunale di Milano  per ottenere la reintegrazione nel possesso dell’immobile per se e per la figlia minore.

L’art. 1168 c.c. consente a chi è stato violentemente od occultamente spogliato del possesso, di chiedere, entro l’anno dal sofferto spoglio, contro l’autore di esso, la reintegrazione del possesso medesimo.  L’azione è concessa, altresì, a chi ha la detenzione della cosa, tranne il caso che l’abbia per ragioni di servizio o di ospitalità.

Il Giudice, richiamando l’orientamento della Cassazione (sent. n. 7214/2013), ha affermato che la convivenza more uxorio, dando vita ad un autentico consorzio familiare, determina un potere di fatto sulla casa di abitazione, basato su un interesse proprio ben diverso da quello derivante da mere ragioni di ospitalità.

L’abitazione nella casa familiare, pertanto, assume i connotati tipici di una detenzione qualificata, che ha titolo in un negozio giuridico di tipo familiare.

Nel caso di specie, la ricorrente ha dimostrato la stabilità della convivenza nell’immobile oggetto del giudizio – convivenza durata ben dieci anni – oltre ad aver dimostrato che, nel predetto immobile, si è svolta l’ intera vita della famiglia di fatto.

Secondo il giudice di merito, pertanto, la ricorrente ha provato la propria qualità di detentore qualificato dell’immobile.

Inoltre l’ordinanza ha evidenziato come il comportamento tenuto dal resistente ha integrato uno spoglio violento per le modalità con cui è avvenuto, in quanto la privazione delle chiavi della porta di abitazione del bene effettuata ai danni della ricorrente ha impedito alla stessa di esercitare la detenzione del bene stesso.

Pertanto, proprio in quanto detentore qualificata dell’immobile, la resistente
non poteva essere allontanata improvvisamente dall’abitazione dal proprietario dell’immobile, ma aveva il diritto di vedersi attribuito un congruo termine al fine di trovare un’altra sistemazione abitativa, non essendo consentito comunque neanche al proprietario del bene il ricorso a forme di autotutela, quale l’estromissione violenta del convivente dall’abitazione.
Le azioni a tutela del possesso, infatti, sono finalizzate proprio ad impedire che le persone, pur potendo ricorrere al giudice per l’affermazione di un proprio diritto, ricorrano all’autotutela.
Il ricorso della donna è stato, quindi, accolto e il Tribunale ha ordinato la reintegrazione nella detenzione dell’appartamento.

 

Avv. Marianna Grimaldi

Segretario AMI Salerno

Una risposta a Il convivente non è un mero ospite.

  • salvatore scrive:

    Giusto, stante i fatti e le modalità, ma alla fine e dopo aver ricorso ad ulteriori vie legali, cosa succederà? Si spoglia il proprietario o questi, dopo un congruo preavviso riprende la piena proprietà della propria casa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Dic
16
lun
09:30 Diritto del minore ad una famigl... @ Napoli, Sala C3 Centro direzionale
Diritto del minore ad una famigl... @ Napoli, Sala C3 Centro direzionale
Dic 16@09:30–14:30
Diritto del minore ad una famiglia: disagio familiare, affido familiare, case famiglia. I servizi sociali in Campania @ Napoli, Sala C3 Centro direzionale
Il convegno è accreditato dal COA di Napoli (4 crediti formativi) e in via di accreditamento dall’Ordine degli assistenti sociali della Campania. Le iscrizioni potranno essere inviate a mezzo e-mail a salerno@ami-avvocati.it ovvero a napoli@ami-avvocati.it[...]
15:00 PROFILI DEONTOLOGICI DELL’AVVOCA... @ Auditorium “Adone Zoli” dell’Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia (Blocco G – Piano 0)
PROFILI DEONTOLOGICI DELL’AVVOCA... @ Auditorium “Adone Zoli” dell’Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia (Blocco G – Piano 0)
Dic 16@15:00–18:00
PROFILI DEONTOLOGICI DELL’AVVOCATO FAMILIARISTA @ Auditorium “Adone Zoli” dell’Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia (Blocco G – Piano 0)
Modalità di iscrizione: La partecipazione è gratuita. Verranno accettate esclusivamente le richieste ricevute telematicamente attraverso l’area riservata Sfera alla quale si potrà accedere dal link presente sulla pagina dell’evento pubblicato sul sito Termine cancellazioni: Si[...]
Dic
18
mer
15:45 Il lavoratore e l’ambiente di la... @ Termoli, Università del Molise, Aula Adriatico
Il lavoratore e l’ambiente di la... @ Termoli, Università del Molise, Aula Adriatico
Dic 18@15:45–19:00
Il lavoratore e l'ambiente di lavoro: strumenti di tutela @ Termoli, Università del Molise, Aula Adriatico
Evento accreditato dall’Ordine di Larino con 4 crediti formativi. Condividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio