ROMA  – Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al ddl delega sulla riforma delle professioni.


MELANDRI: ECCO I 4 PUNTI PRINCIPALI La riforma delle professioni mira a favorire l’accesso ad esse “a chi non è figlio di un avvocato, un ingegnere, un architetto”. Così il ministro per le politiche giovanili Givanna Melandri, ha spiegato il senso del provvedimento approvato dal Consiglio dei ministri. La legge delega vuole “abbattere molte barriere” a favore dei giovani, ha detto Melandri, grazie soprattutto a quattro punti qualificanti. Innanzitutto, con la riforma del tirocinio che, tra l’altro, avrà una durata massima di 12 mesi e richiede un “equo compenso” e che potrà cominciare già nella fase finale degli studi. In secondo luogo nei Concorsi, che saranno a carattere nazionale, meno della metà dei componenti delle commissioni esaminatrici potrà essere indicata dagli ordini. In terzo luogo, sono previste norme per favorire il “ricambio generazionale” negli incarichi direttivi, prevedendo la loro temporaneità e la limitazione nel numero dei mandati. Infine, la riforma prevede che gli ordini assumano iniziative a “sostegno dei giovani meritevoli”, come borse di studio o l’aiuto nella ricerca dello studio dove svolgere il tirocinio. “Non è una riforma iconoclasta – ha concluso il ministro – ma è una riforma profonda”.



MASTELLA: ERANO 30 ANNI CHE LA ASPETTAVAMO “Sono 30 anni che si discuteva di riforma delle professioni intellettuali, anche il precedente governo aveva tentato di farla, senza riuscirci, noi abbiamo fatto una cosa molto interessante ed incisiva”. Lo ha detto il Ministro della Giustizia Clemente Mastella, nel corso di una conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri. Ed ha aggiunto che la modernizzazione che nascerà dalla riforma riguarderà “tutte le organizzazioni e gli organismi e che il governo procederà secondo “il principio della concertazione”.


ORGANISMO DELL’AVVOCATURA: SCIOPERO IL 14, 15 E 16
Sulla riforma delle professioni, l’ Organismo Unitario dell’ Avvocatura rincara la protesta e la mobilitazione su più fronti: il 14, 15 e 16 dicembre chiama gli avvocati all’ astensione dalle udienze; promuove lo ‘sciopero bianco’ dal 18 al 31 dicembre, e dall’ 11 al 16 lancia una settimana di iniziative. “Comincia ad essere chiaro a tutti – osserva la presidente Michelina Grillo – che dietro la giustificazione del rilancio della competitività si nascondono gli interessi di pezzi dei poteri forti del nostro Paese e che la legge Bersani attacca la giurisdizione e i diritti dei cittadini. Abbiamo deciso di proclamare tre giorni di astensione, perché i problemi sono ancora tutti sul tavolo e perché è grande il disagio nell’ avvocatura, ma attueremo anche forme differenziate di protesta per confrontarci e per continuare a illustrare le nostre ragioni. A proposito dell’ incontro di ieri con il ministro di Giustizia, il presidente Grillo fa notare che “pur rimanendo grande la distanza tra le nostre posizioni, “fatto per il quale abbiamo espresso l’ impossibilità di sospendere per intero l’ astensione, per la prima volta si è aperto uno spiraglio concreto per la riapertura di un dialogo.


Tratto dal sito dell’ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vincenzo
    "Parliamo sempre delle stesse porcherie, é tutto una truffa legalizzata,... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Mi sto chiedendo a cosa possa servire scrivere qua le... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
19
ven
08:30 Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Ott 19@08:30–13:30
Figli in attesa. Approfondimenti sulla filiazione ex lege @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo | Palermo | Sicilia | Italia
Evento accreditato dal COA di Palermo con 3 crediti fomativi. Iscrizioni via e-mail a palermo@ami-avvocati.it locandina figli in attesa palermoCondividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
14:00 50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
Ott 19@14:00–19:30
50 sfumature di violenza intrafamiliare - esperienze a confronto @ Residenza di Ripetta -  Sala Bernini - ROMA | Roma | Lazio | Italia
Evento formativo in via di accreditamento dall’Ordine degli Avvocati di Roma. AMI_Mani_Violanza09_2018 Scarica la Scheda d’iscrizione  Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Ott
26
ven
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio