La Corte di Cassazione, con la sentenza n.   13184/2011  del 16/6/2011 (pubblicata in  Guida al Diritto – Famiglia e Minori)  ha statuito che il coniuge tenuto alla corresponsione dell’assegno di mantenimento per il figlio minore disposto in sede divorzile, non può agire ex art. 615 c.p.c. e quindi con atto di opposizione all’esecuzione promossa dal  genitore già affidatario del figlio minorenne, adducendo l’inesistenza della pretesa creditoria azionata, conseguente al raggiungimento della maggiore età del figlio e alla cessazione della convivenza con il genitore affidatario.


La Suprema Corte, infatti, nel caso di specie, ribadendo i principi in forza dei quali l’obbligo del mantenimento del figlio  non cessa automaticamente  con il raggiungimento della maggiore età ma con il conseguimento dell’indipendenza economica o con l’aver posto il figlio nelle condizioni concrete di autosufficienza  senza che  ne abbia tratto utile  profitto per colpa o inerzia, e che la legittimazione  del genitore già affidatario persiste  in via autonoma e concorrente con quella del figlio divenuto maggiorenne,  senza che  possa farsi ricorso ai principi della solidarietà, se non limitatamente in via analogica, trattandosi di legittimazione  iure proprio,   ha statuito che la sede deputata all’accertamento  dei mutati presupposti dell’assegno non è l’opposizione all’esecuzione  ma il procedimento camerale di revisione delle condizioni divorzili ex art. 9 legge 1 dicembre 1970 n. 898, come modificato dall’art. 13 legge 6 marzo 1987 n. 74


Non sembra, quindi, che la sentenza, abbia statuito in difformità di altro orientamento della Suprema Corte in forza del quale il diritto al rimborso delle spese di mantenimento spetta al genitore già affidatario di figlio maggiorenne  solo in caso di coabitazione con quest’ultimo (Sezione I, sentenza 27 maggio 2005 n. 11320 in Guida al Diritto Edizione n. 30  del 30 luglio 2005 pag. 68) ritenendo, quindi superfluo il requisito della convivenza, ma che abbia più propriamente voluto escludere la facoltà del coniuge oberato ad agire in sede di autoriduzione o di soppressione unilaterale dell’assegno, salvo il caso del successivo controllo in sede di opposizione, ove  l’avente diritto  azioni il titolo per l’intero.


Avv. Orietta Pasceri


Segretario Distrettuale AMI Emilia Romagna – Bologna


 

0 risposte a Il coniuge tenuto alla corresponsione dell’assegno di mantenimento per il figlio minore, non può agire ex art. 615 c.p.c.

  • Domenico scrive:

    Grazie x il vostro contributo sociale,tutto ciò valorizza la qualità della vostra vita , ed é finalmente una risposta professionale a problemi enormi per miopie politico-sociali e giuridici.vi ammiro.

Rispondi a Domenico Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
20
gio
15:30 Modalità e tecniche di ascolto d... @ Tribunale di Gela, Aula Moscato
Modalità e tecniche di ascolto d... @ Tribunale di Gela, Aula Moscato
Giu 20@15:30–18:30
Modalità e tecniche di ascolto del minore. Opinioni a confronto tra i diversi operatori. @ Tribunale di Gela, Aula Moscato
Evento accreditato dall’COA di Gela (tre crediti formativi). Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
21
ven
10:00 PIANETA FAMIGLIA: tra innovazion... @ Viareggio, Grand Hotel Principe di Piemonte
PIANETA FAMIGLIA: tra innovazion... @ Viareggio, Grand Hotel Principe di Piemonte
Giu 21@10:00–19:00
PIANETA FAMIGLIA: tra innovazioni normative e applicazioni giurisprudenziali a che punto siamo @ Viareggio, Grand Hotel Principe di Piemonte
Evento interdistrettuale dell’AMI Toscana, Liguria ed Emilia Romagna. All’evento sono stati attribuiti 7 crediti formativi di cui 1 in materia obbligatoria (deontologia). Saranno accettate le prime 200 richieste ricevute attraverso invio ai seguenti indirizzi di[...]
Giu
27
gio
14:30 L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Giu 27@14:30–18:30
L'assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma approvata dalla Camera @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Vi segnaliamo il Convegno che si terrà presso il Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1  il 27 giugno dal titolo “L’assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma[...]
16:30 I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
Giu 27@16:30–19:30
I maltrattamenti in famiglia e gli atti persecutori: delitti prodromici al femminicidio @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
  La partecipazione è gratuita e dà diritto a n.3 crediti formativi per gli Avvocati manifesto 27 giugno  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio