Se la ex moglie da cui ci si è separati, muore in un incidente stradale, l’ex marito ha comunque diritto ad ottenere il risarcimento del danno. È quanto stabilito dalla terza sezione civile della Corte di Cassazione, che con la sentenza 1025/2013 ha confermato la decisione della Corte d’Appello di Milano di riconoscere il diritto al risarcimento al’ex marito di una donna che aveva perso la vita in un incidente stradale.

 

La separazione “in sé e per sé, spiega la Corte, non è di ostacolo al riconoscimento del risarcimento del danno non patrimoniale”.

Secondo gli ermellini “il risarcimento del danno non patrimoniale sotto il profilo del pregiudizio morale può essere accordato ad un coniuge per la morte dell’altro anche se vi sia tra le parti uno stato di separazione personale, purché si accerti che l’altrui fatto illecito (nella specie il sinistro stradale causa del decesso) abbia provocato nel coniuge superstite quel dolore e quelle sofferenze morali che solitamente si accompagnano alla morte di una persona più o meno cara”.

 

“È necessario dimostrare che, nonostante la separazione, sussista ancora un vincolo affettivo particolarmente intenso, con la conseguenza che l’evento morte ha determinato un pregiudizio in capo al superstite”, ha proseguito la Suprema Corte, considerando che la richiesta fosse legittima a motivo del precedente rapporto coniugale, sciolto da poco, e della “permanenza di un vincolo affettivo”, ovvero un figlio in comune.

 

In Cassazione è stata comunque rifiutata la richiesta di risarcimento fatta in primo grado di 84mila euro, ma è stata accordata all’ex marito una somma pari a 25mila euro. I fattori dei quali si è tenuto conto sono stati il “dato obiettivo della separazione”, la cessata convivenza e il fatto che la perdita del coniuge risultasse “indubbiamente meno sconvolgente rispetto al conseguito assetto di vita”.

 

Fonte: Cassazione: la separazione dei coniugi non fa perdere il diritto dell’ex al risarcimento danni per la morte del coniuge

(StudioCataldi.it)

2 risposte a Il coniuge separato non perde il diritto al risarcimento del danno per la morte dell’ex

  • Orazio scrive:

    Assurdo la separazione essendo un diritto acquisito per intolleranza di coppia dovrebbe spezzare ogni vincolo di sostenibilità verso latro coniuge purché autosufficiente quindi non vedo perché poi risarcire qualcosa che spetterebbe ai familiari figli e genitori del coniuge defunto o spetta casomai al compagno direi che una legge fatta con i piedi .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  rossi anna
    "con quali mezzi il coniuge tradito può difendersi da una... "
    Leggi tutto...
  •  Kasparek
    "La punizione più consona per questo abuso e' l'ergastolo Chi... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2018

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio