Il coniuge che abbandona l’altro coniuge che versa in gravi condizioni di salute risponde del reato di “abbandono di persone incapaci” ,anche se l’abbandono è solo per un breve periodo.

 

Con il matrimonio sorgono in capo ai coniugi una serie di diritti ma anche di doveri. Tra questi ultimi ci sono: 1). l’obbligo di fedeltà; 2). l’obbligo di coabitazione; 3). l’obbligo di assistenza morale e materiale.

Per “assistenza morale e materiale” si intende non solo la contribuzione economica o casalinga del coniuge (ossia la partecipazione alla gestione domestica con i propri redditi o con la propria attività fisica), ma anche un’assistenza morale, cioè una presenza fisica costante, un spalla sulla quale l’altro coniuge può sempre contare.

Tale assistenza morale deve esserci soprattutto quando l’altro coniuge si ammala nel fisico o nella mente. Ciò significa che, se il coniuge, nel momento di malattia dell’altro, si allontana anche per breve tempo dal domicilio domestico, commette il reato di abbandono di persone incapaci. (art.591 cod. pen.)

Questo è quanto ha recentemente stabilito la Cassazione. La sentenza ha condannato una moglie per il reato suddetto perché, pur avendo sposato il marito già malato di una patologia genetica degenerativa, si era allontanata da casa per un breve periodo. (Cass. sent. n. 2149 del 17.01.2014.)

In linea generale, il coniuge che si comporta così non solo contravviene all’obbligo di assistenza, ma soprattutto mette in pericolo l’incolumità fisica dell’altro, che in quel momento è un “soggetto bisognoso” considerata l’età, le condizioni fisiche e mentali.

Nei momenti di vulnerabilità del consorte si ha un dovere di custodia. In assenza di essa si crea una situazione di pericolo anche solo potenziale; ne deriva che il coniuge è responsabile anche quando l’abbandono sia parziale.

Né si può giustificare l’abbandono confidando nella cura e nell’assistenza di altri familiari.

Tratto da http://mediterranews.org/2014/01/reato-penale-per-il-coniuge-che-abbandona-l-altro-gravemente-malato/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio