La vicenda familiare di Cittadella è stata senz’altro uno scossone per le coscienze degli Italiani. Non c’è dubbio che molti giudizi siano stati, per i non addetti ai lavori, il frutto della emotività del momento e sappiamo che tutto ciò che è emotivo produce solo danni.

Il filmato del bambino trascinato, mandato in onda dalla RAI nel corso della trasmissione “Chi l’ha visto”, ha avuto senza ombra di dubbio un effetto scatenante in Italia e nel mondo.
Devo, tuttavia, prendere atto che  a molti che hanno espresso opinioni sulla vicenda sia sfuggito di mano il punto centrale del problema. All’improvviso sono sorti due partiti contrapposti: quello dei padri contro quello delle madri.
Tutti si sono schierati con giudizi inquinati da contrapposizioni di genere, entrando nel merito della vicenda, finendo con il diventare “tifosi” del padre o della madre. Nulla di più sbagliato e imperdonabile. Occorreva creare, invece, il “partito dei bambini”.
“Il padre aveva ragione, aveva vinto la causa, che doveva fare?” oppure “La madre è sempre la madre!”  Nulla di più fuorviante!
Queste sono considerazioni che semplicisticamente sono state esternate ogni qualvolta si è tentato di evitare il confronto su un livello molto più alto. Cioè capire se siamo in un paese serio o no, se sappiamo fare rispettare le leggi o no, se le sentenze sono carta straccia o no.
Di tutto si è parlato tranne che dello stato d’animo del bambino di Cittadella nel quadro di una visione adultocentrica del problema.
Innanzitutto nessuno deve disquisire sul merito del provvedimento della Corte di Appello di Venezia, non essendo nessuno, al di fuori delle parti e dei loro legali, a conoscenza delle carte processuali. Invece quasi tutti sono entrati nel merito della decisione rifacendo il processo. Anche questo è l’Italia.
Mi fido, pertanto, della sentenza della Corte veneziana perché per il momento è l’unica verità che conosciamo, ci piaccia o no.
Se la madre è stata dichiarata decaduta dalla potestà genitoriale (molti assurdamente parlano ancora di “patria potestà”) vuol dire che sono stati individuati, fino a prova contraria, elementi fondati. La decadenza della potestà è il più grave dei provvedimenti nei confronti di un genitore e non vengono emessi, di solito, alla leggera. Ma ci sono eccezioni anche in tal senso.
Se poi la donna ritiene di aver subito un’ingiustizia potrà continuare a sostenere le proprie ragioni. Ma per adesso la sentenza è questa e va rispettata, anzi andava rispettata già tre anni fa. Perchè dal 2009 il bambino è restato a vivere con una madre ritenuta dalla stessa giustizia minorile come inadeguata o pericolosa? Non vi sembra questa situazione un assurdo giuridico?
Ciò premesso è in discussione, e non altro, il tipo di esecuzione del provvedimento, cioè il “come” e il “dove” della “cattura” del bambino.
È mai concepibile prelevare con la forza un bambino, con l’ausilio della Polizia, davanti agli occhi sbigottiti dei suoi piccoli compagni di classe? Che roba è questa?
Tutti erano al corrente, dati i precedenti, che il bambino avrebbe opposto una strenua resistenza atteso il plagio  di cui era vittima secondo i giudici. Quindi perché “forzare la mano in quel contesto?”
Chi restituirà un minimo di tranquillità a questo bambino dopo essere stato trascinato come un sacco di patate davanti a tutti?
Certo “la sentenza è giusta”, rispondono i superficiali di turno, molti dei quali da sempre schierati ad oltranza contro il sistema della giustizia minorile e oggi sono pronti a rimangiarsi tutto perché adesso conviene stare zitti sugli squassi della giustizia minorile …
Che la coerenza sia un optional in Italia è un dato di fatto incontrovertibile, ma ci deve essere un limite anche a questo. Io sono sempre stato critico in modo costruttivo del sistema giudiziario minorile e non certo cambio idea, a prescindere dai fatti di Cittadella.
Al di là del filmato incriminato, tutti sappiamo che ogni giorno in Italia vengono effettuati blitz  delle Forze dell’Ordine negli asili e nelle scuole per eseguire ordini emessi dai Giudici minorili. E’ una prassi consolidata, non una eccezione padovana.
La mia analisi, pertanto, non deriva da meraviglia e stupore per quanto si è visto in quel filmato. Chi è del settore conosce bene da anni questa situazione. Nulla di nuovo e di diverso è accaduto a Cittadella.
Cosa è che non mi convince di questa situazione?
In primo luogo ciò che mi ha lasciato senza parole è che durante il “prelievo” del bambino fossero fisicamente presenti i genitori del minore e un gruppo di parenti materni.
Chi li aveva avvisati? Perché è stato consentito loro di fare il “picchetto”?
Perché la Polizia, davanti alle resistenze della madre, della zia e del nonno materno del bambino, non li ha allontanati o arrestati data la flagranza dei reati in cocorso di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale? Reati per i quali costoro ora sono indagati…
Se nel corso di un’esecuzione di un provvedimento giudiziario io contrastassi il dovere delle Forze dell’Ordine, io verrei arrestato all’istante.
Perché due pesi e due misure?
Allora mi chiedo perché i parenti del bambino hanno potuto fare tutta quella gazzarra?
E perché al padre è stato concesso di procedere attivamente all’esecuzione atteso che addirittura trascinava per le gambe il bambino aiutato da un poliziotto? Che roba è questa?
Aveva ragione, si è vero, ma chissenefrega!!!! Lui doveva fare il padre, non l’ausiliario dei poliziotti. La procedura non consente alle parti di eseguire personalmente e con la forza un ordine come questo.
Ferma la mia gratitudine nei confronti del sacro e insostituibile lavoro delle Forze dell’Ordine, non posso in questa occasione esimermi dall’esprimere forti perplessità sul conto di quei poliziotti di Cittadella, che hanno omesso di procedere ad azioni  preliminari e incisive nei confronti di alcuni adulti che commettono reati.
Si sono limitati a prelevare il bambino senza liberare il campo da presenze indebite, sia della madre che del padre, quest’ultimo parte attiva dell’esecuzione.
Se i poliziotti avessero rispettato la legge e i protocolli, la zia del bambino non avrebbe potuto filmare la scena e non ci sarebbe stato il clamore mediatico che ne è derivato, che è il vero danno verso il bambino.
È questo il problema, e non stabilire chi avesse ragione tra padre e madre. Per quelle ci hanno già pensato i giudici.
Non basta una sentenza giusta se non la si sa eseguire perché la corretta esecuzione di una sentenza è legge e non una mera attività discrezionale delle Forze dell’Ordine.
In uno Stato di diritto, come il nostro, ogni regola e ogni prassi devono essere conformi alla legge. Anche un mancato arresto è violazione della legge.
I bambini vanno rispettati, con energia e vigore,  tutto il resto è noia.
La presenza dei parenti del piccolo non solo è stata una sfida allo Stato (non a caso sono stati denunciati) ma è stato un modo per accrescere il disagio del minore che, davanti alle urla della madre e della zia, era assolutamente consapevole, in cuor suo, di essere vittima di una ingiustizia.
Anche dal punto di vista psicologico, dunque,  la Polizia ha sbagliato, insieme agli assistenti sociali e psichiatri, che, a quanto pare, erano presenti a quella orrenda gazzarra. In modo dilettantesco, invece di portarsi prima i parenti, si sono limitati a prelevare il bambino in quel contesto allucinante.
Ripeto un concetto. Non è la Polizia ad essere sul banco degli “imputati”,  ma la serena valutazione nei confronti di quei poliziotti “buonisti” deve essere fatta senza peli sulla lingua.
Ecco perché trovo tragicomico che da una parte Manganelli abbia chiesto scusa per l’operato di quegli agenti mentre alcuni “sindacalisti” della P.S. siano andati in tv a fare una difesa corporativa, non richiesta, inutile e controproducente.
 
Poi c’è da verificare se  i giudici veneziani avessero dato precise istruzioni alle Forze dell’Ordine sul come eseguire il provvedimento. Pare di no. E se ciò fosse confermato sarebbe gravissimo.
Nella giustizia minorile l’esecuzione di un provvedimento non è un dettaglio: è l’aspetto più importante. Pertanto la giurisdizione non può limitarsi a sfornare sentenze “perfette” senza controllare come vengano eseguite.
L’esposto che l’AMI presenterà al Ministero della Giustizia mira ad accertare se vi sono state responsabilità in tal senso. Non è una crociata contro qualcuno a priori, ci mancherebbe altro. Ma un’associazione come la nostra, che si dichiara schierata dalla parte dei bambini, non può restare indifferente rispetto allo scempio di Cittadella.
Non vogliamo più vedere quelle scene orrende.
In futuro chi non rispetta l’esecuzione di una sentenza dovrà tremare e sapere che può finire in galera.
Già perché è questo il vero punto centrale della questione.
In Italia le sentenze in sede familiare sono un consiglio. Invece sono un ordine che deve essere rispettato perché siamo in una democrazia dove le sentenze sono emesse in nome del popolo.
Nelle peggiori dittature, invece, le sentenze vengono eseguite ad personam, a seconda delle aderenze politiche e di potere dell’interessato.
Nei paesi dell’UE chi non rispetta le sentenze va in galera.
In Italia, paese dei balocchi, tutto questo non accade.
Nessuno ha paura delle conseguenze di un rifiuto a rispettare un ordine ed ecco perché si arriva alla tragedia di Cittadella.
Chi non rispetta le sentenze deve tremare. Altro che picchetti…
Del pari le Forze dell’Ordine che non bloccheranno sul nascere chi tenta di impedire che la legge faccia il suo corso, dovranno rispondere delle loro azioni/omissioni.
Questo è il punto centrale della mia analisi, non il merito del provvedimento della Corte di Appello di Venezia. Il provvedimento semmai doveva essere assolutamente eseguito prima, subito dopo la sentenza del 2009.
Restano, tuttavia, le mie antiche perplessità sullo stato attuale della giustizia minorile in Italia. Non mi stancherò mai di ringraziare i tanti valorosi giudici minorili che in questi anni hanno tutelato migliaia di bambini.
Ma adesso è ora di cambiare pagina. E per questo occorre trovare unità di intenti senza più partiti pro padri e madri o di voltagabbana che fanno come gli struzzi pur di sostenere l’insostenibile.
L’attuale sistema giudiziario minorile è stato superato dalla storia.
C’è troppa disorganizzazione e troppa improvvisazione, non tutti i tribunali sono preparati a fronteggiare le emergenze. A ciò si aggiunga la carenza di un lavoro di rete tra le varie figure professionali che rende tutto più difficile.
I Tribunali per i Minorenni hanno troppo delegato la propria funzione ai Servizi Sociali e ai Giudici onorari.
E continuano a non rispettare le regole del giusto processo e della terzietà del Giudice (art. 111 Cost.) e del vero e autentico diritto di difesa (art. 24 Cost.).
Urgono riforme importanti, al di là di ciò che è accaduto a Cittadella.
Da anni l’AMI rivendica il varo del Tribunale per la Famiglia o delle Sezioni Specializzate per la Famiglia.
Abbiamo bisogno di supergiudici, iperspecializzati che si occupino dell’intera materia evitando il caos dell’attuale frammentazione delle competenze giurisdizionali. Sogno una giustizia veloce, autorevole, che si faccia rispettare punendo subito chi la viola impunemente come accade tutti i giorni.
Dunque auspico che i Tribunali per i Minorenni vengano abrogati e che cambino le regole del gioco dove i giudici togati sono una cosa, mentre i servizi sociali, ferma la loro insostituibile funzione, facciano ciò che sanno fare e non altro.
Cambiando il sistema si proteggeranno davvero i nostri figli e la bigenitorialità vera e non ci sarà più bisogno di trascinare un bambino per eseguire (a distanza di anni) un provvedimento del giudice. Ma per fare questo ci vogliono uomini e donne coraggiosi che sappiano fare un blocco comune e sui grandi temi sappiano trovare le sintesi e le condivisioni giuste.  Una società dove le sentenze sono scritte sull’acqua è una società malata. Curiamola!
 
Avv. Gian Ettore Gassani
Ami Nazionale
 
 
 
 

8 risposte a Il caso di Cittadella:quando le sentenze sono scritte sull’acqua!

  • iacopo scrive:

    Come sempre l’avv. Gassani è puntuale nel commentare fatti di questa natura. L’opinione pubblica si è divisa in curve da stadio, dimenticando che, laddove vi è una sentenza, questa dovrebbe essere rispettata.
    Un punto, però, è degno di nota, pare che l’Ordine dei Medici voglia aprire una indagine sul Consulente Tecnico del Tribunale, per la relazione peritale.
    Laddove questo sia vero dovremo temere le relazioni peritali dei consulenti non particolarmente coraggiosi.
    Cordialità.
    Iacopo Savi

  • Condivido pienamente! Sono una psicologa/psicoterapeuta ed ora anche Mediatrice Familiare. Un percorso di formazione che ho scelto proprio per evitare situazioni come quella descritta. I bambini prima di tutto! Grazie per il lavoro che fate e, se posso contribuire anche solo diffondendo il vostro messaggio, lo faccio molto volentieri. Buon lavoro, dott.ssa M. Alessandra Forlini

  • Donatella scrive:

    Gentile avvocato,
    comprendo che la reazione ad un provvedimento giudiziario dovrebbe essere la composta accettazione, ma lei, come tanti colleghi avvocati e magistrati, forse, mi perdoni se mi permetto, non tenete talvolta conto che è di sentimenti che stiamo parlando e fra questi il più intenso di tutti, quello che lega una madre al figlio. Se una madre si vede portato via con forza il proprio bambino che si rifiuta prepotentemente , a torto o a ragione, si potrebbe pensare ad una reazione composta e riguardosa? la prego… piuttosto condivido la sua perplessità sul funzionamento dei tribunali minorili, aggiungo io dell’intero sistema giudiziario in tema di famiglia nella sua applicazione. Mi domando e le domando: se il minore capace di discernimento (concetto discutibile) secondo la giurisprudenza può, essendo ascoltato dal Giudice, decidere ove essere collocato, come mai un recalcitrante ragazzo viene portato via nonostante il suo palese dissenso? certamente ci saranno validissime ragioni…Purtroppo in troppi casi il Decidente colloca un bambino non tenendo conto del suo interesse primario, potrei raccontarle decine di casi a me vicini, oltre che il mio di cui forse ho già avuto modo di scrivere proprio su questo vs sito e lei certamente all’interno delle centinaia o migliaia di casi trattati, ne potrebbe raccontare a me di rimando. Resta fermo un indiscutibile punto: il bambino è davvero al centro della questione tenendo conto solo ed esclusivamente il suo primario interesse? temo purtroppo che la risposta sia NO:

  • Gentile Avvocato, mi permetto di lasciare queste due righe per dirLe che la sua riflessione sul caso del bambino portato via a forza dalla scuola altro non è una giusta e considerevole riflessione. Tutti gli attori nell’intera vicenda hanno delle responsabilità sia oggettive che soggettive, questo è anche il pensiero non solo mio ma, anche dell’intero organismo che ho l’onore di presiedere. A tale proposito La ringrazio per questa Sua riflessione giusta e corretta sui fatti.
    Aurelia Passaseo
    Presidente Ciatdm

  • Arianna scrive:

    Salve, innanzi tutto quando un bambino viene dichiarato malato va portato in ospedale e non in casa-famiglia. Se la malattia e’ mentale necessario il ricovero in un centro specializzato. Ma se la malattia e’ una non malattia e’ necessaria una cura a chi l’ha diagnosticata. Detto questo, l’intervento andava fatto con effetto immediato a entrambi i genitori, obbligandoli in una casa-famiglia fino al momento in cui non veniva resettato il loro odio reciproco. Resettare e’ una parola che non si può pronunciare in un contesto ove vi sono coinvolte vite umane!!!
    I bambini sono il nostro futuro…per quello che subiscono non prevedo niente di buono!
    I giudici hanno l’obbligo di applicare la legge e se lo avessero fatto nessuno sarebbe arrivato a questi estremi.

  • Corrado scrive:

    E’ UNA VERGOGNA ASSOLUTA PER TUTTI GLI ITALIANI, UNA COSA ORRENDA.
    La PAS è un’invenzione che viene “appiccicata” ai bambini come un’etichetta, da periti incompetenti.
    O peggio: il CTU del caso di Cittadella, Rubens De Nicola, è stato determinante anche per far assolvere un marito che ha ucciso la moglie a badilate.

    http://messaggeroveneto.gelocal.it/cronaca/2011/05/26/news/uccise-la-moglie-a-badilate-assolto-per-quot-vizio-di-mente-quot-1.63562

    Vi invito a protestare con me, potete anche copiare l’appello e inviarlo a tutti i Parlamentari soprattutto quelli delle Commissioni per l’Infanzia e per la Giustizia:
    http://firmiamo.it/in-difesa-del-bambino-leonardo-di-cittadella

    questi gli indirizzi:
    http://www.camera.it/436?shadow_organo_parlamentare=1538&natura=B
    http://www.camera.it/99?shadow_organo_parlamentare=1495

  • Sibilla scrive:

    Focalizzandosi l’attenzione sull’esclusiva tutela del Minore tutti sembriamo concordare sull’abolizione IMMEDIATA (prima che commettano altri danni) della sezione civile del Tribunale dei Minorenni. E’ obsoleta, dal momento che figli nati extra o intra coniugio vanno equiparati. Non condivido la critica verso l’aver dato al popolo italiano che non vive i problemi giudiziali della famiglia la possibilità di SAPERE che in Italia quando due ex non riescono a parlarsi (e obbligarli a farlo equivale ad una vera e propria violenza privata legalizzata) i figli verranno strappati ai loro luoghi e legami. E’ bene che gli italiani sappiano quali soluzioni prive di buon senso applicano “certe” Istituzioni. Soluzioni che frutteranno ma non certo la serenità dei minori e quindi del futuro. Il caro Jemolo diceva che la famiglia, come Lei mi insegna, è un’isola solo lambita dal diritto. Cosa è diventata oggi? Cosa divengono oggi due persone che arrivano a separarsi per gravissime ragioni, dove una parte le ha veramente sopportate tutte?…fino al sangue? Proprio a questa parte viene chiesto sempre di più. la psicologia ne pervade l’animo sostituendosi a chi scavava con il coltello sino a giungere all’ultimo ricatto morale: o parli con chi ti promettiamo aver cambiato o sradichiamo la piantina dal suo alveo. C’è chi ha la forza di cedere perchè sa che quell’ulteriore dolore porterebbe alla morte. C’è chi tenta la resistenza e quindi lì il Tribunale ha avuto pietà (ed è giusto che l’abbia avuto perchè sono in gioco le emozioni e i sentimenti delle persone), ha dato tempo ma qualcun altro intanto aveva perso il lume per l’impazienza di avere finalmente tra le braccia il trofeo-. I BAMBINI NON SONO TROFEI DA SBANDIERARE! E LA SOCIETA’ TUTTA PAGHERA’ CARO IL PREZZO DI QUANTO ACCADE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Alessandra
    "Sono separata da 14 anni e mezzo e la guerra... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Per le leggi esistenti in Italia come anche all'estero la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio