” Anche in Italia i social network sono diventati una delle cause più


frequenti di infedeltà coniugale e di separazioni/divorzi, afferma l’avvocato Gian Ettore Gassani, presidente nazionale dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani e autore del saggio “I Perplessi Sposi” (Aliberti Editore).


Nel nostro Paese almeno il 20% delle crisi coniugali che arrivano in


Tribunale sono causate da Facebook (80% del totale) e da Twitter (20%).


Si tratta di un fenomeno denunciato l’anno scorso dall’associazione dei  matrimonialisti degli USA e confermato dall’associazione dei matrimonialisti italiani.


Le infedeltà riguardano coppie di tutte le età, anche quelle sposate da


trent’anni e più.


Facebook è virtuale solo all’inizio  del rapporto ma è poi occasione di incontri veri e propri ( secondo il Centro Studi dell’AMI il 70% sono scappatelle, il 30% diventano storie durature e parallele).


Spesso in Tribunale sono portate le prove di messaggi compromettenti scambiati sui social network.


E’ fiorente il commercio di software per risalire alla password del coniuge iscritto su Facebook o Twitter.


Anche il tradimento virtuale può essere causa di divorzio e di addebito.


Nel sud si tradisce su Facebook come nel nord e questa è un’altra novità interessante”, conclude l’avvocato Gassani .


 

0 risposte a I social network : anche in Italia sono causa di numerosissime crisi coniugali

  • Gianni scrive:

    Prima di tutto, formulo i migliori Auguri di cuore a Voi tutti per le festività passate e per un buon anno 2012 di pace e serenità.
    Mi complimento perchè pare che in caso di separazione e/o divorzi qualcosina di positivo “per l’uomo” si stà muovendo anche se molto a rilento.
    Grazie.
    Buon lavoro.
    Gianni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Set
20
ven
15:00 “Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
“Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
Set 20@15:00–18:00
“Assegno divorzile: dalla ratio della pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.18287/18 alle diverse prassi dei Tribunali di merito” @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
SCHEDA INFORMATIVA Il convegno è gratuito solo per i soci AMI in regola con il versamento della quota associativa per l’anno di competenza. La quota di partecipazione al convegno è di €10,00 pro-capite per tutti[...]
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio