“La pronuncia della Suprema Corte, che ha riconosciuto l’addebito in capo alla moglie che per lungo tempo ha rifiutato di avere rapporti sessuali con il marito, sancisce che la noia e l’abitudine possono costare molto care a quello dei coniugi che se ne lascia sopraffare”, così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente dell’AMI, a commento della sentenza della Cassazione n. 19112/2012.

 

Il matrimonialista spiega: “Il parametro normativo per la formulazione del giudizio di addebitabilità della separazione è costituito dall’assunzione da parte di uno dei coniugi di un comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio, tra i quali, invero, non emerge nulla di specifico in tema di rapporti sessuali (artt. 143 e ss.c.c.).
L’unico punto dal quale si può far discendere indirettamente una previsione legislativa è quello del secondo comma dell’art. 143 c.c.  secondo cui “Dal matrimonio deriva l’obbligo reciproco alla fedeltà, all’assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell’interesse della famiglia, ed alla coabitazione”.

 

“Tuttavia – precisa il matrimonialista –   non qualsiasi inadempienza determina addebito della separazione, occorrendo violazioni di un certo spessore e rilevanza. Nel caso specifico sette anni di convivenza formale sono certo un presupposto importante, attesa la ininfluenza della prolungata tolleranza di un coniuge rispetto alla violazione dei doveri matrimoniali da parte dell’altro, vertendosi in materia in cui i diritti e doveri sono indisponibili”.

 

E continua: “Il 30% delle coppie italiane, anche under 40, vive un matrimonio bianco, senza sesso. E quando tale situazione non è frutto di un tacito accordo bensì di una scelta unilaterale, allora può essere fonte di una responsabilità gravida di conseguenze di natura giuridica sul fronte delle separazioni personali”.

 

“Non è la prima volta – afferma l’avv. Gassani – che la Cassazione si esprime in questa delicata materia, entrando per così dire in camera da letto, a tutela e monito della integrità psicologica e della sfera sessuale dei coniugi e di un’istituzione, il matrimonio, che non va ridotto a mero simulacro”.

 

Infine: “La sentenza in oggetto non fa che confermare il prevalente indirizzo giurisprudenziale,  per il quale il dovere di ciascun coniuge di intrattenere una normale attività sessuale con l’altro è espressione dell’obbligo di assistenza morale di cui all’art. 143 c.c., oltre che naturalmente conseguenza della coabitazione,  ed è solo una sfaccettatura del dovere vicendevole di far fronte ai bisogni dell’altro, inclusi quelli di natura sessuale”.

0 risposte a I matrimoni “bianchi” vengono sanzionati dalla legge

  • simone scrive:

    nel caso di coppie di fatto con prole, non legalmente sposate, quali responsabilità e conseguenze ci sono nella “convivenza bianca”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Ott
15
mar
15:00 FAMIGLIA E MINORI: SEMINARIO DI ... @ Aula Grippo - Tribunale di Potenza
FAMIGLIA E MINORI: SEMINARIO DI ... @ Aula Grippo - Tribunale di Potenza
Ott 15@15:00–18:30
FAMIGLIA E MINORI: SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE SUI PIU' RECENTI ORIENTAMENTI DELLA CORTE DI CASSAZIONENTENZE @ Aula Grippo - Tribunale di Potenza
Evento accreditato dal COA di Potenza con 4 crediti formativi. Accreditato altresì con 3 crediti dall’Ordine degli Assistenti sociali della Basilicata. Manifesto 15-10-19 Famiglia e Minori def.Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Ott
18
ven
09:15 Filiazione, nuovi diritti, ruolo... @ Lecce, Aula magna Vittorio Aymone della Corte d'Appello
Filiazione, nuovi diritti, ruolo... @ Lecce, Aula magna Vittorio Aymone della Corte d'Appello
Ott 18@09:15–18:30
Filiazione, nuovi diritti, ruolo del terzo genitore @ Lecce, Aula magna Vittorio Aymone della Corte d'Appello
Evento accreditato dal COA  di Lecce con 6 crediti formativi di cui uno deontologia. CONVEGNO 18 10 2019_Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Ott
25
ven
15:30 Prospettive di tutela della viol... @ 25.10.19 Lagonegro, Tribunale - 26.10.19 Maratea, Palazzo de Lieto
Prospettive di tutela della viol... @ 25.10.19 Lagonegro, Tribunale - 26.10.19 Maratea, Palazzo de Lieto
Ott 25@15:30–Ott 26@11:30
Prospettive di tutela della violenza domestica e di genere @ 25.10.19 Lagonegro, Tribunale - 26.10.19 Maratea, Palazzo de Lieto
Evento accreditato dal COA di Lagonegro e dall’Ordine degli Assistenti sociali della Basilicata. Invito_ottobre_Lagonegro_Maratea_ 25-26-10-19Condividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio