BARI – Ragazzini sempre più dipendenti da Internet, genitori che non riescono a stare al passo con la tecnologia e si rivelano incapaci di porre controlli. Figli che vivono da inconsapevoli in un mondo «social», contemporaneamente al sicuro in casa (secondo i genitori) e pericolosamente esposti a nuove forme di violenza. Nell’ambito della giornata internazionale per i diritti dei minori, l’Associazione avvocati matrimonialisti di Bari ha organizzato per venerdì 20 novembre presso villa Romanazzi-Carducci il seminario «La rete telematica nelle dinamiche familiari e tutela dei minori» che vedrà attorno al tavolo avvocati, magistrati, assistenti sociali, psicologhi, giornalisti e funzionari della Polizia postale.
Si cercherà di fare il punto su temi fortemente attuali, che spesso trovano spazio sui giornali o televisioni solo quando i bambini restano vittime di pericoli creati da adulti manipolatori e sottovalutati dai genitori.

«La responsabilità di fronte alle nuove tecnologie va sviluppata e coltivata – spiega Andrea Sales, psicoterapeuta e docente presso l’Università degli studi di Padova – ed è compito dei genitori ed educatori crescere figli responsabili»; ma come possono fare dei genitori che, cresciuti in un sistema di riferimento completamente differente, spesso si trovano a subire una tecnologia a loro ignota? Un aiuto lo possono dare i rappresentanti della Polizia delle Comunicazioni che da anni promuovono progetti e campagne di sensibilizzazione per far comprendere come un cattivo uso di smartphone o tablet può veramente mettere il minore in seri pericoli.

«Abbiamo deciso di organizzare questo incontro a tutela dei minori – spiega Rosa Angela Martucci Zecca, presidente Ami Bari -. Sempre più spesso la cronaca riporta casi dolorosi con i ragazzi vittime di cyberbullismo o stalking, è importante allora che tutti gli operatori che si occupano o dovrebbero occuparsi di minori si siedano attorno ad un tavolo per capire come arginare i pericoli e come interagire a difesa dei più giovani».
Perché nonostante i nostri figli siano la generazione 2.0, bravissimi nell’usare le nuove tecnologie, sono contemporaneamente i più vulnerabili. «Come prima regola non dovremmo concedere ai più piccoli di usare con troppa facilità la rete o gli smartphone – sottolinea l’avvocato Martucci Zecca – e vigilare, sempre». Il convegno dell’Ami è un evento accreditato dall’Ordine degli avvocati di Bari e degli assistenti sociali di Puglia per ottenere crediti formativi.

Tratto dalla gazzettadelmezzogiorno.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio