Secondo la Cassazione, un messaggino inviato a un coniuge tradito per indurlo magari a tirarsi indietro dal tentativo di riconciliazione non è una semplice molestia ma ”violenza morale”


Gli sms indesiderati? Possono essere condannabili come vera e propria violenza privata. Il giro di vite viene applicato dalla Cassazione che sottolinea come un messaggino inviato a un coniuge tradito per indurlo magari a tirarsi indietro dal tentativo di riconciliazione con la moglie sia qualcosa di più di una semplice molestia, una vera e propria ”violenza morale” condannabile in base al reato punito dall’art. 61 c.p. In questo modo la quinta sezione penale (sentenza 31758) ha confermato la condanna per violenza privata nei confronti di un napoletano di 55 anni, Carmine S., per avere inviato sms al marito della sua amante affinché recedesse dall’intento di riconciliarsi con la moglie Ester. L’uomo, inoltre, è stato pure condannato per reato di minaccia avendo tentato di indurre l’amante a riprendere la loro relazione, minacciandola di diffondere materiale audiovisivo con i rapporti sessuali avuti con la stessa.
Inutilmente Carmine S. ha tentato di alleggerire la sua posizione in Cassazione (la condanna per violenza privata e per minaccia era stata inflitta sia dal gup di Santa Maria Capua Vetere che dalla Corte d’Appello di Napoli, nel maggio 2007) sostenendo che i messaggini spediti al marito della sua amante non potevano essere condannati per violenza privata. Piazza Cavour ha respinto il ricorso e ha rilevato che ”i messaggi inviati al marito adombrano chiaramente una condotta di violenza privata ai danni del marito di Ester C. e denotano la conferma solare della violenza morale attuata nei confronti della donna”.
Insomma, conclude Piazza Cavour, i messaggini inviati al marito e le minacce rivolte all’amante non escludono ”il dolo dell’illecito contestato che consiste nella finalità di costringere la donna a riprendere la relazione extraconiugale”. Il ricorso di Carmine S. è stato dichiarato così inammissibile e, oltre a dover pagare le spese processuali, l’uomo dovrà pure versare 1.500 euro alla cassa delle ammende.


Adnkronos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio