Gassani: “Sempre più spesso le scommesse determinano disgregazione familiare”

 

La recente inchiesta sulle scommesse che ha coinvolto insospettabili protagonisti

del calcio italiano ripropone in tutta la sua drammaticità il crescente e pauroso aumento

del gioco d’azzardo (lecito e clandestino) che in Italia oramai produce fatturato miliardari.

Il nostro Paese si colloca al secondo posto in Europa dopo la Finlandia per spesa pro capite

per il gioco d’azzardo (mediamente 600 euro all’anno). Situazione che sta producendo seri

danni all’economia di un numero crescente di famiglie italiane sempre più indebitate e

schiave dell’usura. Il fenomeno è trasversale, coinvolge senza distinzioni di età, sesso,

ceto sociale e collocazione geografica. In merito l’avv. Gian Ettore Gassani,

presidente Nazionale Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani, dice:

“L’illusione di far quadrare i conti attraverso il gioco d’azzardo sta diventando

una malattia nazionale. Inevitabilmente questa corsa al rischio per diventare ricchi

sta determinando preoccupanti riflessi sulla tenuta di molte coppie di coniugi e conviventi.

Il centro studi AMI calcola che tra il 6%-8% separazioni e divorzi siano causati dagli

insostenibili debiti di gioco dell’uno o dell’altro coniuge. Alla crisi economica del Paese

quindi si aggiunge quella, tutta intrafamiliare, causata dai debiti di gioco.

E’ sempre più frequente il caso di persone unite in matrimonio o conviventi more uxorio

affette da dipendenze da gioco d’azzardo che vendono di nascosto i beni di famiglia o

prosciugano i risparmi di una vita per giocare o pagare i debiti contratti. Si tratta di vere

e proprie tragedie familiari che vedono interi nuclei ridotti sul lastrico.

Sovente la disperazione per la sopraggiunta miseria economica produce violenze

intrafamiliari di ogni tipo (percosse, lesioni, sottrazione e vendita dei gioielli del coniuge,

dei mobili di famiglia, dei regali di nozze, dell’autovettura e finanche oggetti dei figli).

Insomma i costi sociali di questo fenomeno, che andrebbe immediatamente contenuto,

rischiano di dare la spallata finale ad una istituzione, il matrimonio, che sta già

attraversando un preoccupante periodo di crisi. Al danno della fine di molti matrimoni e di

intere famiglie costrette ad una improvvisa indigenza si aggiunge la beffa di non poter

ottenere dal coniuge giocatore d’azzardo nemmeno l’assegno di mantenimento o

l’assegnazione della casa coniugale atteso che quest’ultimo quasi sempre è diventato u

n nullatenente, incapace di badare a se stesso ed ai propri familiari.

L’impazzimento generale di molte famiglie è provato anche dall’episodio di ieri

in cui due coniugi (moglie italiana, marito egiziano), presi da un momento di follia

da gioco ed attratti dalle slot machine, hanno abbandonato due dei tre figli minori

nell’auto sotto il sole”. Per Gassani “occorre sanzionare penalmente i comportamenti

legati al gioco d’azzardo, anche quello lecito, che possono compromettere

irrimediabilmente soprattutto i diritti economici e sociali dei minori.

A fronte di tale emergenza sociale lo Stato deve rivedere le proprie posizioni

in ordine ad una indiscriminata liberalizzazione del gioco d’azzardo che sta

trasformando il popolo italiano, da sempre parsimonioso e risparmiatore

(con grande vantaggio per l’economia nazionale) in un popolo disperato sul

piano economico, personale, professionale e soprattutto familiare.

Occorre trovare misure per individuare un tetto massimo di giocata pro capite,

anche attraverso l’esibizione di documenti di identità.

Vi sono casi infatti di lavoratori dipendenti che già dopo la prima settimana

del mese hanno dilapidato lo stipendio a causa delle proprie scommesse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Evento interdistruttuale tra dell’AMI di Potenza e l’AMI di Bari. Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio