Si è svolto il 9 maggio presso il Palazzo di Giustizia di Potenza, nell’Aula Grippo, con il patrocinio e la collaborazione dell’Ordine degli Avvocati di Potenza e di Ri.cre.A., Scuola di Alta Formazione di Napoli, nonché dell’A.S.P. di Potenza e dell’Ordine degli Assistenti sociali di Potenza il Seminario di aggiornamento sulla mediazione familiare, organizzato dall’AMI di Potenza.

È  emerso dall’incontro che il tema della mediazione, nel suo ripetuto collegarsi con quello delle finalità dell’Associazione, esiga una riflessione.Potenza

È significativo rendersi conto di quanto si stia aprendo la strada alla trasformazione del procedimento di separazione; il rapporto mediazione-giustizia, o meglio, processo contenzioso-mediazione, all’apparenza contraddittorio, sembra finalmente realizzare, attraverso la continua professionale opera di formazione-informazione dell’AMI, un intreccio proficuo.

L’articolarsi della molteplicità dei temi trattati nell’incontro e il livello di alta competenza raggiunto ha sottolineato infatti e reso palese che la mediazione ha perso quella funzione “ancillare” rispetto al processo per assumere, in mutata prospettiva culturale, un ruolo operativo  e cardinale.

Un’ organizzazione giudiziaria che si rivolga ad un servizio che pratichi la mediazione in senso tecnico esprime e registra un non modesto progresso verso una giustizia effettiva e pacificatrice.

L’attenzione verso i genitori e verso i minori attraverso il percorso di mediazione, allo scopo dichiarato di “azzerare il conflitto per essere prima di tutto genitori”, pone la coppia, i giudici e gli avvocati di fronte ad una opportunità concreta, vuota e priva di inutili formalismi ma solo riferita all’interesse morale e materiale dei figli.

Il discorso culturale che si è avviato, quindi, attribuisce all’AMI, per effetto della sua operatività nel coinvolgimento di tutte le categorie interessate, il ruolo di volano nell’attività riparatoria del conflitto genitoriale alla luce della continua formazione e nell’ottica dell’affermazione dell’educazione all’annullamento della conflittualità.

Qui di seguito riportiamo l’articolo di venerdì 9 maggio 2014 sulla Gazzetta del mezzogiorno dal titolo “Genitori prima di tutto un seminario per tutelare la famiglia”. 

Maria Teresa Sanza 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  rossi anna
    "con quali mezzi il coniuge tradito può difendersi da una... "
    Leggi tutto...
  •  Kasparek
    "La punizione più consona per questo abuso e' l'ergastolo Chi... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2018

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio