Stop alle punizioni corporali: 

«Uno schiaffo non finisce mai»
 
 

Oltre un quarto dei genitori italiani (27%) ricorre alla punizione fisica nei confronti dei propri figli. È quanto emerge dalla ricerca «Le punizioni fisiche in ambito familiare. Cosa ne pensano i pediatri», realizzata da Save the Children in collaborazione con la Società italiana di pediatria. Milano e la Lombardia, aree su cui è stato condotto uno speciale focus della ricerca, offrono un significativo spaccato del trend generale: il 24% dei genitori meneghini ricorre alla punizione fisica mentre il 72% dei genitori lombardi ritiene che le restrizioni alle libertà (divieto di uscite con gli amici o usare il cellulare, ad esempio) siano il miglior sistema per sensibilizzare la prole al rispetto delle regole in casa e nella società.  

 

Save the Children lancia quindi la campagna «A mani ferme» per sensibilizzare l’opinione pubblica, le istituzioni e i genitori sull’importanza di utilizzare metodi educativi positivi, «senza punizioni fisiche o umilianti», spiega Arianna Saulini, Responsabile della Campagna che si articola su uno spot ideato dall’agenzia Roncaglia & Wijkander, il cui claim è «Uno schiaffo non finisce mai». Una ricerca precedente, realizzata da Ipsos per Save the Children, rivelava che una campagna informativa potesse essere un deterrente efficace al ricorso a schiaffi e sculacciate per il 92% dei genitori con figli di 3-5 anni, l’84% di quelli con bambini di 6-10 anni e l’81% dei genitori di adolescenti. «A fronte di questi dati – sottolinea Saulini – siamo certi che la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sia il primo passo verso un cambiamento culturale».  

 

Tra i pediatri italiani, ben il 73,5% pensa che sia più difficile educare un figlio oggi rispetto a 10-15 anni fa. Anche i pediatri sono stati bambini e la maggioranza (il 76,8%) afferma di aver subito punizioni fisiche almeno 1 volta nella vita, per più della metà di coloro che sono stati picchiati (59,4%) dai propri genitori, ciò è avvenuto solo in casi eccezionali. Complessivamente, la maggior parte del campione (47,7%) ritiene che la professione di pediatra condizioni il giudizio riguardo alle punizioni fisiche: se il 64% dei pediatri ha dichiarato di essere interpellato «spesso» dalle famiglie riguardo l’educazione dei figli (solo al 5,6% non è stato mai chiesto nulla), al 79,3% è capitato di essere interpellato riguardo le punizioni fisiche. Di questi il 10,6% «spesso». L’opinione, basata sulla propria esperienza professionale, riguardo all’attuale diffusione del ricorso alle punizioni fisiche divide la categoria: il 51,1% dei pediatri intervistati ritiene che il fenomeno sia tuttora largamente diffuso, mentre il 48,9% ritiene che non lo sia. Il 65,4% pensa che un utilizzo reiterato delle punizioni fisiche possa sconfinare in atteggiamenti prossimi al maltrattamento. «Per questo riteniamo utile dare ai genitori un supporto attraverso degli strumenti di facile consultazione e reperibilità. La Guida illustra i quattro principi cardine dei genitori che non utilizzano le punizioni fisiche, ovvero individuare i propri obiettivi educativi di lungo termine, far sentire il proprio affetto e fornire punti di riferimento, comprendere cosa pensano e cosa provano in diverse situazioni e assumere un approccio risolutivo e non punitivo. Attraverso la Guida, Save the Children – conclude Saulini – desidera aiutare i genitori a riflettere sui loro comportamenti e a comprendere meglio l’atteggiamento dei figli». (fonte: Agi) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio