La Corte d’appello di Palermo aveva sollevato il caso alla Corte Costituzionale di due donne separate che durante la loro relazione avevano avuto due gemelli con l’eterologa. “Non sussiste il vuoto di tutela dell’interesse del minore”

La Corte costituzionale ha dichiarato “non fondata” la questione di legittimità, sollevata dalla Corte di Appello di Palermo, nell’ambito di una causa civile promossa da una donna che chiedeva di poter mantenere legami con i figli nati dalla sua ex partner. In una nota, la Consulta spiega che “non sussiste il vuoto di tutela dell’interesse del minore presupposto dal Giudice rimettente”. L’interruzione ingiustificata, da parte di uno o di entrambi i genitori, in contrasto con l’interesse del minore, di un rapporto significativo da quest’ultimo instaurato e intrattenuto con soggetti che non siano parenti – sostiene la Corte – è, infatti, riconducibile alla ipotesi di condotta del genitore “comunque pregiudizievole al figlio”, in relazione alla quale l`art. 333 dello stesso codice già consente al Giudice di adottare “i provvedimenti convenienti” nel caso concreto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio