“L’orrendo crimine consumatosi ieri in provincia di Roma, che ha visto un marito, guardia giurata, assassinare a colpi di pistola la ex moglie, ripropone in tutta la sua drammaticità il più grave fenomeno sociale del nostro Paese: la violenza in famiglia”, così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani.

 

“In due giorni – evidenzia il matrimonialista – si sono consumati due fatti gravissimi che confermano che le donne sono le vittime annunciate di una mattanza infinita e comunque di violenze insopportabili. A Pesaro un’avvocatessa è stata sfigurata con l’acido dal suo ex compagno, anch’egli avvocato, mentre a Roma una guardia giurata ha ucciso la moglie”.

 

“Questi episodi – precisa l’avv. Gassani – dimostrano che la violenza in famiglia è trasversale e può essere consumata anche da soggetti che dovrebbero conoscere perfettamente e più degli altri il disvalore dei propri comportamenti. In particolare, le separazioni e i divorzi nel nostro Paese producono una lunga scia di sangue perché il sistema giuridico-giudiziario non contempla concrete misure di prevenzione della violenza, anche quando il conflitto coniugale è elevatissimo”.

 

E continua: “ Occorre urgentemente prevedere nelle procedure di separazione e di divorzio la presenza di un mediatore familiare e di un criminologo, il primo  per abbassare il livello del conflitto e il secondo per prevenire violenze di ogni tipo, incluso l’uxoricidio. Le denunce sporte dalle donne nei confronti degli ex compagni non sono seguite da idonee misure di protezione e di controllo. Il nostro sistema da anni non muove un dito per combattere concretamente il femminicidio”.

 

Alcuni dati: “Il 30% delle separazioni giudiziali – spiega l’avv. Gassani –  è accompagnato da fatti violenti che spesso coinvolgono anche donne che esercitano un ruolo importante nel mondo della politica e della comunicazione. Resta il dato che solo il 5% delle donne vittime di violenza sporge denuncia. Tutte le altre sopportano ogni tipo di angheria domestica pur di mantenere il marito e non creare scandali. La questione è anche culturale.”.

 

Infine: “Nel corso del prossimo Congresso Nazionale gli avvocati matrimonialisti presenteranno uno studio sulle misure di prevenzione e repressione per combattere le violenze intrafamiliari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio