“L’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani
saluta con grande soddisfazione l’approvazione del decreto
legge per arginare l’odioso fenomeno della violenza in
famiglia, la piaga sociale più grave del nostro Paese”,
così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente
dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani.

E spiega: “Tuttavia, come succede per tutti i decreti
legislativi a costo zero, restano forti perplessità circa
la concreta prevenzione della violenza intrafamiliare.
Infatti, nel 70% dei casi le donne che subiscono violenza
(sia essa psicologica o fisica) dipendono economicamente dai
propri mariti e/o compagni, con l’effetto che in gran
parte omettono di denunciarli per evitare di finire sul
lastrico a seguito della eventuale applicazione di misure
detentive verso il carnefice”.

“Pertanto non basta modificare il Codice Penale e talune
norme di carattere processuale – afferma il
matrimonialista – perché le donne, davanti alla
prospettiva di una probabile crisi economica della propria
famiglia, per il bene dei figli sono disposte ad accettare
le violenze più gravi”.

E continua: “Occorre creare un welfare efficace con
l’istituzione di un fondo di solidarietà e garanzia
alimentato dalla confisca dei beni nei confronti dei
componenti delle organizzazioni criminali o con altre forme
di sovvenzione che i Ministeri della Giustizia e
dell’Interno potrebbero individuare. L’esempio ci viene
dalla Francia, Paese in cui il Fondo di Garanzia esiste da
anni. L’obiettivo deve essere quello di aiutare
economicamente le donne vittime di violenza, rendendole
libere di ribellarsi a qualsivoglia orrendo sopruso
familiare”.

Infine: “E’ necessario integrare o comunque modificare
la legge appena approvata perché, senza un reale sostegno
economico in favore dei soggetti deboli della compagine
familiare, qualsiasi inasprimento di pena risulterà
inefficace ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
27
gio
14:30 L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Giu 27@14:30–18:30
L'assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma approvata dalla Camera @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Vi segnaliamo il Convegno che si terrà presso il Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1  il 27 giugno dal titolo “L’assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma[...]
16:30 I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
Giu 27@16:30–19:30
I maltrattamenti in famiglia e gli atti persecutori: delitti prodromici al femminicidio @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
  La partecipazione è gratuita e dà diritto a n.3 crediti formativi per gli Avvocati manifesto 27 giugno  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
28
ven
15:00 Crisi familiare e bigenitorialità @ Palmi, Aula ex Assise del Tribunale di Palmi
Crisi familiare e bigenitorialità @ Palmi, Aula ex Assise del Tribunale di Palmi
Giu 28@15:00–18:00
Crisi familiare e bigenitorialità @ Palmi, Aula ex Assise del Tribunale di Palmi
Sono stati concessi n. 3 crediti formativi dal COA di Palmi.Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio