ROMA – Proprio come è avvenuto ieri in Friuli e oggi nel milanese, è la famiglia l’ambito principale in cui maturano gli omicidi-suicidi: il 91,6% dei casi, a fronte dell’8,4% riferibile ad altri contesti (disagio mentale, vicinato, ecc.). E’ quanto emerge da un’anticipazione del rapporto Eures-ANSA sull’omicidio volontario in Italia nel 2009, che è in fase di elaborazione.

UN OMICIDIO-SUICIDIO OGNI DIECI GIORNI IN ITALIA
, quasi mille i morti dal 2000 ad oggi – Sono 340 i casi di omicidio-suicidio registrati in Italia tra il 2000 e il 2008, che hanno prodotto, compresi i responsabili, quasi 1000 vittime. Ogni 10 giorni un padre, un marito (il responsabile è nel 93% dei casi un uomo) pianifica il proprio ‘suicidio allargato’, trascinando con sé la coniuge o la partner (complessivamente 53% dei casi), uno o più figli (19% dei casi) o altri familiari. Sono invece soprattutto donne le vittime degli omicidi (75% dei casi contro il 25% uomini), mentre la fascia di età più colpita è quella compresa tra i 25 e i 54 anni (50,2% dei casi), cui seguono le vittime anziane (20,8% gli over 64) e i minori (13,5%). Nell’analizzare il movente dell’omicidio-suicido, ricordando che questo rappresenta in larga misura un sottoinsieme dell’omicidio familiare, prevale tra i moventi censiti quello passionale o del possesso (25,1% delle vittime), seguito dai conflitti relazionali del quotidiano (20,1%), dalle situazioni di disagio o grave malattia della vittima (9,6% dei casi). Ma è il disturbo psichico e mentale del responsabile a spiegare la maggioranza degli eventi, considerato che nel 15,8% dei casi è stata rilevata una vera e propria patologia e nel 16,5% i casi sono stati archiviati come ‘raptus’, ovvero eventi difficilmente spiegabili attraverso segnali forti riferiti alle abitudini di vita e ai comportamenti dei responsabili, precedenti all’evento omicidiario. Anche per questa ragione colpisce il fatto che il 66,3% delle stragi familiari sia compiuto con un’arma da fuoco, che l’autore successivamente rivolge contro se stesso.

AUMENTATI NEL 2008 GLI OMICIDI-SUICIDI
: +28% gli eventi (che passano da 25 nel 2007 a 32 nel 2008) e +68% le vittime (da 25 a 42) – Il fenomeno risulta inoltre in forte aumento sia in termini di incidenza sul complesso degli omicidi (passando dal 6,6% dei casi al 9,4%), sia, più in particolare, sugli omicidi in famiglia (dove si concentra la quasi totalità dei casi di omicidio-suicidio); tra questi, infatti, più di un omicidio su cinque nel 2008 (il 21,3%) termina con il suicidio del responsabile (rispetto al 15,9% del 2007).

AL NORD IL 60 PER CENTO DEGLI OMICIDI SUICIDI
– L’omicidio- suicidio si concentra prevalentemente nelle regioni del Nord Italia, dove è avvenuto il 59,4% degli eventi censiti nel 2008 (pari a 19 casi, a fronte del 48% nel 2007); seguono le regioni del Centro (7 eventi, pari al 21,9%) e quelle del Sud (6 casi, pari al 18,8%). Sono stati il Veneto e la Toscana a registrare nel 2008 il numero maggiore di casi (5, pari al 15,6%), seguite dalla Lombardia e dalla Puglia (entrambe con 3 casi). 


di Enzo Quaratino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio