Corte di cassazione – Sezione I civile – Sentenza 11 luglio 2012 n. 11644


È ammessa l’azione di disconoscimento della paternità nel caso in cui la fecondazione eterologa sia avvenuta all’insaputa del marito, purché, però, avvenga nel termine di un anno dal momento in cui si è venuti a conoscenza del ricorso a tale metodo di procreazione. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 11644/2012, rigettando il ricorso di un padre che lamentava di aver scoperto solo parecchio tempo dopo la nascita di non essere il genitore biologico della figlia. Nulla da fare però per gli ermellini, l’azione è partita troppo tardi.



L’omologa non aveva dato frutti
Il caso è quello di una coppia torinese che non potendo avere figli aveva iniziato a sottoporsi ad una serie di pratiche di inseminazione artificiale omologa senza tuttavia avere risultati. Quando dopo un certo periodo di tempo la moglie è comunque rimasta incinta, il marito ha pensato che il concepimento fosse avvenuto per ragioni naturali. Mentre solo successivamente alla nascita della bambina una serie di indizi lo avrebbero portato a sospettare di non essere il padre. Da qui la decisione di procedere ad ulteriori accertamenti sanitari che si sono conclusi con un responso di “gravissima infertilità”. A questo punto è partita l’azione di disconoscimento.



L’azione è partita in ritardo
Una tesi avversata dalla moglie la quale invece ha sostenuto che dopo i primi insuccessi si sarebbero volontariamente e concordemente sottoposti ad un programma di fecondazione eterologa. Quale che sia la verità, risulta accertato dal giudice di merito, in modo non censurabile dalla Cassazione (grazie anche alla prova testimoniale del padre della donna), che già dalla primavera del 2005 il ricorrente fosse venuto a conoscenza della fecondazione con donatore da parte delle moglie, mentre l’azione di disconoscimento è partita soltanto nel gennaio 2007, dunque oltre l’anno previsto dai termini di legge.



Le motivazioni della Corte
Con una articolata sentenza la Cassazione ha ripercorso le principali pronunce in merito per concludere che, anche grazie ai mutamenti del sentire sociale, si è andata via via affermando una sorte di primazia del “favor veritatis” sulla necessità di dare una legittimazione certa ai figli. In Italia, ricorda la Corte, la legge 40 del 2004 vieta l’eterologa, prevedendo però nei casi in cui vi si ricorra ugualmente il divieto di esercitare l’azione di disconoscimento quando anche per “atti concludenti” sia dimostrabile l’assenso del padre. In tutte le altre ipotesi dunque l’azione è ammissibile, andando così ad arricchire il quadro normativo che prevedeva in costanza di matrimonio ipotesi tassative in cui si poteva esercitare il disconoscimento (articolo 235 del cc): assenza di coabitazione, impotenza e adulterio.



Figli sempre legittimati all’azione
In definitiva, osservano gli ermellini in un passaggio molto rilevante, in tal modo si amplia la sfera delle persone legittimate all’esercizio dell’azione includendovi anche il figlio, che “certamente è estraneo al consenso eventualmente prestato dal genitore”, ed “è portatore di un interesse alla verità biologica che deve considerarsi meritevole di tutela”.


Individuata, dunque, la nuova fattispecie “stante l’identità della ratio”, secondo i giudici, essa non può che raccordarsi alle ipotesi decadenze già previste dal codice (art. 244). E ciò conclude la Corte con riferimento “al momento in cui si sia acquisita la certezza del ricorso a tale metodo di procreazione”, “soprattutto nei casi, come quello in esame, in cui non risulti un consenso preventivo del coniuge all’inseminazione”.  


ILSOLE 24 ORE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Alessandra
    "Sono separata da 14 anni e mezzo e la guerra... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Per le leggi esistenti in Italia come anche all'estero la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio