“In relazione alla proposta del Ministro della Giustizia di accelerare i tempi per l’introduzione del divorzio breve, l’AMI esprime la propria soddisfazione”, così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani.

“Il nostro diritto di famiglia – precisa il matrimonialista – deve essere comunque riformato in modo organico. Il Ministro Orlando vuole proporre il modello francese in Italia per quanto riguarda le separazioni e i divorzi ma non sono del tutto convinto della bontà di tale progetto. Sottrarre alla giurisdizione il controllo delle separazioni e dei divorzi (nei casi in cui non ci sono figli) è sempre rischioso perché verrebbe meno il controllo dello Stato sul tipo di accordo di separazione e divorzio stipulato dai coniugi con i propri avvocati”.

E continua: “Lo Stato deve controllare velocemente le clausole delle separazioni e dei divorzi per evitare accordi ingiusti e capestro (in danno del coniuge più debole e sprovveduto). Un conto è semplificare e accelerare i tempi della giustizia italiana, altro è privatizzare il diritto di famiglia con tutti i rischi che ciò può comportare”.

Infine: “La vera svolta ci sarà quando sarà abrogata la separazione e soprattutto quando sarà obbligatorio essere specializzati in materia familiare e minorile, sia per gli avvocati che per i magistrati”.

3 risposte a E’ rischioso sottrarre alla giurisdizione parte del diritto di famiglia

  • Flory Caroli scrive:

    Complimenti Collega!
    Concordo perfettamente con la Sua linea all’insegna della razionalità, legalità e buon senso a tutela dei diritti e doveri che un Paese civile ed evoluto dovrebbe sempre garantire ai consociati.

  • ALFONSO scrive:

    Dovrebbero esserci delle leggi che dovrebbero salvaguardare i diritti dei padri separati. In quanto questi pur avendo un reddito, ma tra il mantenimento che devono dare all’ex coniuge e ai figli più altre spese che deve affrontare: mutui e prestiti vari, alla fine non gli restano neanche i soldi per vivere, questo non lo trovo giusto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio