La Corte di Cassazione (VI Sezione, sentenze n. 2905 e 2942 del 22 gennaio 2019) ha sancito che l’accesso abusivo nel profilo social del partner si realizza anche se la persona offesa aveva comunicato all’imputato la password di accesso a facebook.
La conferma della sentenza di condanna ha riguardato il reato di cui all’art. 615 ter c.p.
A nulla è valsa la teoria difensiva dell’imputato, il quale ha argomentato che l’aver comunicato la password rappresentava un’autorizzazione implicita al suo utilizzo, in quanto per gli Ermellini tale condotta non esclude comunque il carattere abusivo degli accessi.
Va detto tra l’altro che mediante gli accessi abusivi il marito ha acquisito conversazioni riservate, sino a giungere all’estromissione dall’account Facebook della titolare del profilo e l’impossibilità di accedervi.
Proprio per la continuità dell’utilizzo dell’account della moglie e per l’aver posto in essere queste pratiche abusive, la Corte di Cassazione ha ritenuto di confermare la condanna dell’uomo.
Avv. Claudio Sansò
Presidente AMI SALERNO – Coordinatore Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

Convegno Ami 4 ottobre 2019

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio