Le separazioni, si sa, portano sempre qualche inconveniente, ma quello che è successo a questa signora potentina di 44 anni ha davvero dell’incredibile. La donna, disabile al cento per cento dopo aver subito l’amputazione di un braccio a causa di un tumore, dovrà lasciare la casa in cui viveva col marito, da cui si è separata, pur essendone per gran parte proprietaria esclusiva.

Il tribunale di Potenza è stato irremovibile: al coniuge spetta l’affidamento dei due figli minorenni della coppia e, quindi, anche la casa. I due figli, in realtà, saranno in affido condiviso, ma vivranno col padre nella casa di famiglia.

La donna, quindi, dovrà andarsene di casa e cercarsi una nuova sistemazione, vivendo con la sua pensione di circa 700 euro a cui si aggiungerà il contributo del marito per il mantenimento: appena 200 euro mensili.
"E’ una decisione profondamente ingiusta – ha dichiarato la signora – la separazione non è certamente addebitabile a me e allontanarmi dai miei figli e dalla mia casa è profondamente ingiusto".

 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio