Il Disegno di legge per la Riforma delle professioni intellettuali (cd ddl Mastella) si propone l’introduzione di una regolamentazione di principio volta al riordino del sistema delle professioni intellettuali complessivamente considerate, da attuarsi poi ad opera di appositi decreti delegati.
Predispone dunque una cornice entro la quale questi ultimi saranno destinati comunque a “muoversi”.
Questo approccio per così dire “unitario” privilegia la comune essenza delle prestazioni professionali, ovvero essere le stesse il frutto esclusivo di un sapere intellettuale, piuttosto che gli elementi di specificità di ciascuna, che ne imporrebbero una regolamentazione distinta; elementi di specificità che per la professione forense consistono essenzialmente nell’essere questa un’attività che non solo tutela diritti costituzionalmente garantiti, ma che -unica fra le altre- si fa garante delle libertà individuali e dunque della protezione dello stato di diritto.
Tale considerazione avrebbe dovuto determinare il legislatore a dotare la disciplina della professione forense di una autonoma regolamentazione, che tenesse in specifico conto la “funzione cruciale esercitata dalle professioni legali in una società democratica, al fine di garantire il rispetto dei diritti fondamentali, lo stato di diritto e la sicurezza nell’applicazione della legge”, così come si legge nel testo della risoluzione del parlamento europeo  p6_ta (2006)0108).
Se pure dunque il governo ha ritenuto prioritaria l’introduzione di una disciplina “di massima”, uniforme per tutti i prestatori di servizi professionali, resterà comunque imprescindibile, in sede di emanazione dei decreti delegati,  tener conto della specificità della professione legale nel senso sopra enunciato.
E’ dunque fin d’oggi imprescindibile che la normativa di cornice ponga attenzione alla specificità della professione forense al fine di non pregiudicarla, coerentemente con la normativa dell’Unione Europea richiamata nella stessa relazione al ddl Mastella, e con la risoluzione del Parlamento Europeo appena citata, la quale, “considerando che qualsiasi riforma delle professioni legali ha conseguenze importanti che vanno al di là delle norme della concorrenza incidendo nel campo della libertà, della sicurezza e della giustizia e, in modo più ampio, sulla protezione dello stato di diritto nell’unione europea” (…) “evidenzia le alte qualificazioni richieste per accedere alla professione legale, il bisogno di proteggere tali qualificazioni che caratterizza le professioni legali, nell’interesse dei cittadini europei e il bisogno di creare una relazione specifica basata sulla fiducia tra i membri delle professioni legali e i loro clienti” ; ribadendo inoltre “… l’importanza delle norme necessarie ad assicurare l’indipendenza, la competenza, l’integrità e la responsabilità dei membri delle professioni legali, con lo scopo di garantire la qualità dei loro servizi, a beneficio dei loro clienti e della società in generale, e per salvaguardare l’interesse pubblico”.
La qualità della prestazione professionale assume dunque, per le professioni legali, una valenza che travalica il semplice interesse del cittadino ad una prestazione adeguata, per farsi condizione imprescindibile dell’attuazione di valori costituzionali di rango prioritario e della stessa esistenza di una società democratica.
Il ddl Mastella riconosce tali esigenze di qualità: la stessa relazione che accompagna il testo di legge, infatti, indica già in premessa che l’essenza del servizio professionale è costituita dall’apporto di cultura e saperi specialistici, da conoscenze tecniche, da capacità dell’intelletto e dell’ingegno.
In linea con tale premessa la relazione individua, quale obiettivo del disegno riformatore, il conseguimento di una maggiore “qualità” del servizio professionale e rimette agli ordini ed alle associazioni professionali la cura della qualificazione e dell’aggiornamento dei propri iscritti ed il controllo della qualità dell’offerta.
In particolare, la relazione riconosce alle Associazioni Professionali il compito di garantire ai cittadini una prestazione altamente qualificata e specialistica: si legge infatti che “l’obiettivo di tali associazioni è soprattutto quello di dare evidenza pubblica ai requisiti professionali dei propri iscritti” e che proprio per tale motivo, ad esse (la cui registrazione in “un apposito registro ministeriale” è subordinata a rigorosi requisiti), competano funzioni “di verifica della professionalità dei propri associati, di aggiornamento professionale, di adesione a regole deontologiche”, e spetti “la capacità di rilasciare attestati di competenza”.
La volontà del governo di riformare il sistema delle professioni intellettuali in maniera da garantire una prestazione di elevata qualità e specializzazione emerge con maggior chiarezza nel testo normativo, il quale tuttavia, forse in ragione delle stesure succedutesi nel tempo, necessita, proprio al fine di conseguire gli obiettivi dichiarati, di taluni interventi correttivi.
A titolo esemplificativo: l’art. 8 del ddl, coerentemente con quanto affermato nella relazione, traccia caratteristiche, requisiti e funzioni delle associazioni professionali riconosciute, ribadendo che le stesse adempiono alla funzione di “dare evidenza ai requisiti professionali degli iscritti, di favorire la selezione qualitativa e la tutela dell’utenza” e che pertanto devono essere dotate “di una struttura organizzativa, e tecnico-scientifica adeguata all’effettivo raggiungimento delle finalità dell’associazione, e in particolare i livelli di qualificazione professionale, la costante verifica di professionalità per gli iscritti e l’effettiva applicazione del codice etico”.
Non si comprende allora perché sia sottratto alle medesime, con riferimento alle attività riservate di cui all’articolo 2 comma 1 lettera e), il potere di “rilasciare attestati di competenza riguardanti la qualificazione professionale, tecnico-scientifica e le relative specializzazioni”.
Se le attività riservate sono quelle definite dall’art. 2 e dunque “quelle strettamente necessarie per la tutela di diritti costituzionalmente garantiti”, è di tutta evidenza che, proprio in relazione ad esse deve essere garantito un elevato livello di formazione specialistica. E solo le associazioni professionali, così come definite dal ddl, possono oggi garantire la effettiva specializzazione della formazione.
 


A tal fine, anche per chiarire ulteriori ed essenziali punti del Disegno di legge all’esame del Parlamento, le sottoscritte Associazioni chiedono di essere convocate in audizione presso le Commissioni in seduta congiunta deputate all’esame della riforma.


 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vincenzo
    "Parliamo sempre delle stesse porcherie, é tutto una truffa legalizzata,... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Mi sto chiedendo a cosa possa servire scrivere qua le... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
19
ven
08:30 Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Ott 19@08:30–13:30
Figli in attesa. Approfondimenti sulla filiazione ex lege @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo | Palermo | Sicilia | Italia
Evento accreditato dal COA di Palermo con 3 crediti fomativi. Iscrizioni via e-mail a palermo@ami-avvocati.it locandina figli in attesa palermoCondividi...Facebook1Google+0TwitterLinkedin
14:00 50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
Ott 19@14:00–19:30
50 sfumature di violenza intrafamiliare - esperienze a confronto @ Residenza di Ripetta -  Sala Bernini - ROMA | Roma | Lazio | Italia
Evento formativo in via di accreditamento dall’Ordine degli Avvocati di Roma. AMI_Mani_Violanza09_2018 Scarica la Scheda d’iscrizione  Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Ott
26
ven
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio