Chi vuole la revoca dell’assegno divorzile deve sbrigarsi a chiederla: in caso di successo, infatti, il decreto avrà effetto solo dalla data della domanda giudiziale e non dal momento in cui si è verificato l’evento che fa venire meno il diritto del coniuge “debole”, come ad esempio un’eredità che ne abbia mutato sensibilmente le condizioni economiche. Fin quando non scatta la revoca il beneficiario della contribuzione conserva i diritti collegati come quello di chiedere una quota di Tfr (Trattamento di fine rapporto) dell’onerato. È quanto emerge dalla sentenza 11913/09 della Cassazione.
La destinataria dell’assegno divorzile riceve un lascito dalla madre nel lontano 2000. Ma l’onerato presenta il ricorso soltanto nel dicembre 2002. Il bello è che appena pochi mesi prima, in luglio, lui ha incassato l’indennità di fine rapporto e sul Tfr una quota spetta di diritto all’ex moglie. Il marito ottiene la revoca dell’assegno, ma non a partire dalla data dell’eredità di cui ha beneficiato lei. Eppure – sostiene l’onerato – è quello il momento in cui sorge il fatto ostativo al diritto all’assegno divorzile in capo al coniuge “debole”. Perché sbaglia? I provvedimenti che contengono le disposizioni economiche per i coniugi, come d’altronde quelli sull’affidamento dei figli, producono i loro effetti fin quando non interviene un altro provvedimento giurisdizionale che li modifichi. E quest’ultimo, secondo i principi generali dell’ordinamento, non può avere un’efficacia anteriore alla domanda giudiziale (ma posteriore sì, a discrezione del giudice.
Il provvedimento che fissa l’assegno divorzile ha un’efficacia limitata nel tempo, ma fino all’eventuale modifica conserva le caratteristiche tipiche di autorità, intangibilità e stabilità. Dunque? Il momento in cui sono maturati i presupposti per la revoca dell’assegno risulta del tutto ininfluente. Sta a chi non vuole più versare il contributo mensile chiedere tempestivamente lo stop: nel frattempo il giudicato continua produrre i suoi effetti, in positivo e in negativo, e all’attribuzione dell’assegno – fino a eventuale revoca – è collegata l’attribuzione dei diritti connessi come quello relativo alla quota del Tfr.


LA STAMPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 15:00 alle 18:00), moduli formativi[...]
Apr
21
mer
17:00 Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Apr 21@17:00–19:30
Quando un figlio rifiuta un genitore. Alienazione parentale e disfunzioni relazionali @ webinair
Accreditato con tre crediti formativi. Webinair sulla piattaforma google meet. locandina 21 aprile pdfCondividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio