Corte di cassazione – Sezione I civile – Sentenza 4 giugno 2012 n. 8927


 


Le esigenze della prole aumentano con l’aumentare dell’età. E’ quanto ha precisato Il giudice di legittimità il quale, richiamando un proprio precedente (Cass. 400/2010) , ha confermato che si può chiedere la revisione dell’importo dell’assegno di mantenimento in favore dei figli, senza fornire la prova del maggiore aggravio di spese.


 


L’aumento delle esigenze del figlio sono notoriamente legate alla sua crescita, anche in termini di bisogni alimentari, ed allo sviluppo della sua personalità in svariati ambiti, ivi compreso quello della formazione culturale e della vita sociale. Questo assunto non necessita  di specifica dimostrazione (cfr. Cass. 2007/17055) e di per sé legittima la revisione (cfr. Cass. 2006/10119), pure in mancanza di evoluzioni migliorative delle condizioni patrimoniali del genitore tenuto alla contribuzione.


Avv. Claudio Sansò


Presidente AMI SALERNO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio