Chi ha detto che governare la casa e accudire i figli non sono attività quantificabili in denaro? Sicuramente non il giudice del divorzio: se i ragazzi non risultano ancora autosufficienti economicamente, gli ex coniugi devono contribuire a mantenerli ciascuno secondo le proprie possibilità e nella ripartizione degli obblighi “pesa” l’apporto casalingo della madre in favore dei figli, compresa l’ipotesi in cui la donna è impegnata anche nel mondo del lavoro. Lo ricorda la Cassazione con la sentenza 11903/09.
E’ stata bocciata la tesi del padre divorziato, condannato a pagare l’assegno di mantenimento nei confronti di due figli che vivono ancora con la madre, occupata come infermiera. Nel ricorso si sostiene che l’attività domestica comunque prestata dalla donna in favore dei ragazzi, insieme al fatto di tenerli in casa con sé, non costituisce per la signora un motivo di esonero dai suoi obblighi. Il che può essere vero, ma non significa certo che nella ripartizione degli obblighi di mantenimento non vada considerata l’attività della donna che accudisce la prole e manda avanti la casa. Sono gli articoli 148 e 155 del codice civile a disciplinare le modalità con cui i genitori devono assolvere l’obbligo di mantenere, educare e istruire i figli: nelle norme non c’è traccia di limitazioni, dunque è escluso che l’adempimento debba avvenire per forza attraverso un contributo in denaro. Un genitore, insomma, compie il suo dovere anche attraverso l’apporto casalingo. Nè giova giocare la carta “anti-bamboccioni” sostenendo che con i contributi di papà e mammà i ragazzi avrebbero troppi soldi a disposizione (Cassazione 11538/09).
Quanto all’assegno divorzile, la Corte ribadisce che il parametro di valutazione è sempre il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio: contano le condizioni economiche degli ex coniugi, oltre che la situazione abitativa, e fa fede la documentazione fiscale dell’onerato.


LA STAMPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Fortunato Rocco Aquino
    "Caro collega che la terra ti aia liece "
    Leggi tutto...
  •  Александр
    "30 LUGLIO 2019 Con l ordinanza n. 9990 del 10.04.2019... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »
Feb
5
ven
15:00 “Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
“Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
Feb 5@15:00–18:00
“Il Conflitto familiare – Riflessioni giuridiche e psicologiche” @ Pescara - webinair
Per l’evento verrà presentata richiesta di accreditamento al CNF per il riconoscimento crediti formativi per la formazione professionale continua Avvocati. Per prenotarsi occorre effettuare la registrazione al seguente link https://us02web.zoom.us/webinar/register/ WN_Y8G1q528Swu9hQl6m5HQWw . La partecipazione è[...]
Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 14:00 alle 17:00), 34 moduli[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio