“Mentre il legislatore italiano sta decidendo sul varo del “divorzio breve”, tra un mare di polemiche e contrapposizioni i nostri compatrioti stanno ingrossando il fenomeno tutto italiano del turismo divorzile”, è questa la denuncia dell’avv. Gian Ettore Gassani, presidente dell’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani).


 


E chiarisce: “Gli italiani sono stanchi delle nostre leggi e dei tempi biblici per ottenere il divorzio nel loro Paese. All’estero è possibile divorziare subito senza passare per la fase della separazione. In media in Italia quando la coppia è d’accordo su tutto (casa, mantenimento e affidamento dei figli) per ottenere il divorzio, devono passare almeno quattro anni. Quando invece vi è un conflitto e vi sono sbocchi in Appello e in Cassazione si arriva ad attendere dagli otto ai dodici anni per ottenere lo stato libero”.


 


“Nel nostro Paese  – continua il matrimonialista – occorre affrontare due distinti processi per essere divorziati: quello della separazione e poi quello del divorzio, con due distinti mandati e due distinte parcelle che possono arrivare in casi complicatissimi a cinque zeri. Anche se fosse approvata la legge sul divorzio breve, tesa a ridurre ad uno o due  anni il periodo della separazione dei coniugi a seconda della presenza o meno di figli, il problema delle lunghe attese non si risolverebbe del tutto. In caso di separazione giudiziale, infatti,  i tempi per chiedere il divorzio dipendono dal passaggio in giudicato della sentenza, che può avvenire anche dopo sette o otto anni nell’ipotesi di processi che finiscono in Appello e/o in Cassazione”.


 


I dati sono allarmanti: “specie in Romania – afferma l’avv. Gassani – stanno sorgendo come funghi vere e proprie agenzie (del tutto lecite) che invitano gli italiani a divorziare all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio