Il divorzio breve potrebbe conquistare il suo primo sì già domani. Pur in attesa da tre anni, le tre proposte di legge che puntano a ridurre il tempo necessario per sciogliere definitivamente il vincolo matrimoniale, alle ultime battute in commissione Giustizia alla Camera sono state approvate senza grandi resistenze. E oggi la materia approda in Aula. Il testo base è quello della proposta Paniz (dal nome del relatore, Maurizio Paniz, Pdl) che riduce dagli attuali tre anni a un solo anno l’intervallo necessario per chiedere in modo consensuale il divorzio. Intervallo che raddoppierebbe a due anni se sono presenti figli minori.


Nonostante il tema sia tra quelli “sensibili”, sui quali la coscienza pesa più della fedeltà politica, Paniz resta ottimista: «Potremmo arrivare all’approvazione già domani – ipotizza -. Non mi aspetto infatti molti emendamenti». Del resto l’idea giace in Parlamento da tre anni (6 maggio 2008 il deposito).


Il confrontLa leggina è di due soli articoli: il primo riduce da tre a un anno – dal giorno della comparsa dei coniugi davanti al presidente del tribunale – il periodo minimo di separazione ininterrotta per poter presentare la domanda consensuale di divorzio. Il secondo anticipa lo scioglimento della comunione legale, sempre alla data dell’udienza.



«Di questa legge c’è assoluto bisogno – commenta Paniz -. Ormai, dati i tempi della giustizia, anche i tre anni di separazione sono diventati del tutto teorici».o con la Ue
Il divorzio breve avvicinerebbe l’Italia alle altre legislazioni europee in materia di diritto di famiglia. In Francia per sancire la fine di una unione bastano dai tre ai sei mesi, in Germania tutto accade dopo un anno, ma senza più tornare di fronte i giudici. Divorzi sprint anche in Grecia, Romania e nella cattolicissima Spagna, dove non solo bastano sei mesi per dirsi addio ma già dal 1998 le unioni di fatto sono riconosciute a pieno titolo. Sull’altro fronte, ad esempio, si colloca Malta, dove la possibilità di rescindere il vincolo matrimoniale esiste solo da maggio 2011.


In realtà, a ben guardare, in Europa esistono 27 diritti di famiglia, uno per ogni paese che compone l’Unione. Ad analizzare le differenze e a tentare di individuare un percorso di riavvicinamento ha provato la sezione milanese dell’Ami (l’associazione Avvocati matrimonialisti italiani) che al tema del codice europeo della famiglia ha dedicato nei giorni scorsi un incontro internazionale. «Con l’aumento dei matrimoni misti tra cittadini di diversa nazionalità è sempre più urgente avere un quadro giuridico comune, nonostante le diversità culturali e religiose – sottolinea l’avvocato Elena Menon, presidente Ami di Milano – soprattutto nei casi di sottrazione dei minori, dove una griglia minima aiuterebbe a trovare una soluzione condivisa». Ogni anno si contano ormai 170mila divorzi tra coniugi di diversa nazionalità, il 20% dei divorzi complessivi nell’Unione. Ma è in aumento anche il «turismo del divorzio». Sempre l’Ami ha calcolato che negli ultimi sei anni 8mila coppie italiane hanno scelto di divorziare all’estero.


Tratto dal Sole 24 ore.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio