Solo quattro giorni a Roma per la firma del pm sugli accordi di negoziazione assistita in tema di famiglia. Con l’avviso al pubblico, emesso dall’ufficio del pubblico ministero, può partire nella capitale la degiurisdizionalizzazione delle separazioni e dei divorzi consensuali, con e senza figli, introdotta con la legge 162/2014.

Il tallone di Achille della norma sta nel silenzio su un tema importante: la tempistica con cui si sarebbe esaurito l’iter della funzione delegata, dalla legge, all’ufficio Affari civili del pubblico ministero presso il Tribunale civile. Di qui l’importanza dell’avviso al pubblico emesso a Roma, che stabilisce che il nulla osta (per gli accordi tra chi non ha figli) e l’autorizzazione (se ci sono figli) vanno rilasciati entro i quattro giorni successivi a quello della presentazione (e registrazione) dell’istanza.

Si può così affermare che gli accordi che le parti hanno in animo di raggiungere potranno essere, finalmente, consigliati e sottoscritti, perché l’ultimo tassello mancante è stato completato. Viene poi regolato anche l’aspetto della documentazione da allegare all’atto di accordo, necessaria per il passaggio e la valutazione della domanda davanti all’ufficio del pm, che ha predisposto il facsimile della relativa domanda, prevedendo espressamente la possibilità di indicare – una volta rubricata l’istanza nel Registro – la data di ricezione e quella del ritiro della richiesta, con l’emissione del nulla osta o dell’autorizzazione. Così si formalizza il dies a quo del successivo decorrere dei 10 giorni entro cui uno dei due avvocati che hanno assistito le parti nella negoziazione assistita dovrà trasmettere l’originale dell’accordo, indicando l’avvenuto rilascio del placet del pm, all’ufficiale di stato civile del Comune nel quale il matrimonio fu trascritto

Tratto da il Sole24.com

http://www.diritto24.ilsole24ore.com/art/guidaAlDiritto/dirittoCivile/2014-12-03/divorzi-e-separazioni-senza-giudice-si-procura-arriva-quattro-giorni-100548.php

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  rossi anna
    "con quali mezzi il coniuge tradito può difendersi da una... "
    Leggi tutto...
  •  Kasparek
    "La punizione più consona per questo abuso e' l'ergastolo Chi... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2018

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio