Giustizia minorile. Delitti contro la famiglia.

Corte Costituzionale: non automatica la perdita della potestà genitoriale in conseguenza della commissione del delitto di cui all’art. 566, secondo comma, C.P. Illegittimità costituzionale dell’art. 569 C.P.

Sentenza n. 7 del 23 gennaio 2013

 

Avv. Giuseppe De Marco (responsabile giustizia minorile AMI, distretto di Roma).

 

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 7 del 23 gennaio 2013, ha dichiarato illegittimo l’art. 569 del codice penale, nella parte in cui stabilisce che, in caso di condanna pronunciata contro il genitore per il delitto di soppressione di stato, previsto dall’art. 566, secondo comma, del codice penale, consegua di diritto la perdita della potestà genitoriale, così precludendo al giudice ogni possibilità di valutazione dell’interesse del minore nel caso concreto; in contrasto, in particolare, con gli artt. 3 e 117, primo comma, della Costituzione.

La questione di legittimità dell’art. 569 c.p. era stata sollevata dalla Corte di Cassazione, a seguito di ricorso proposto dai genitori di una bambina nata a Brescia nel 2000 contro la sentenza con la quale la Corte di Appello di Brescia aveva confermato la sentenza di primo grado, che aveva dichiarato a sua volta i genitori colpevoli del delitto ex art. 566, comma 2 c.p., per avere omesso di dichiarare all’ufficiale di stato civile la nascita della figlia entro il termine  di cui al D.P.R. 3 novembre 2000 n. 396, e ciò fino al 2005, occultando la neonata e sopprimendone così lo stato civile.

Oltre alla condanna alla pena prevista, entrambi gli imputati erano stati condannati, in applicazione dell’art. 569 c.p., alla perdita  – automatica – della potestà genitoriale sulla minore.

Nel fornire la soluzione del quesito di legittimità costituzionale, la Corte Costituzionale ritiene di coinvolgere i principi affermati da essa stessa nella sentenza n.31 del 2012, relativa alla fattispecie del delitto di stato di cui all’art. 567, secondo comma, del codice penale (delitto di alterazione di stato). L’automatismo che caratterizza l’applicazione della pena accessoria comprometteva in quel caso – e gli stessi rilievi valgono ora per il delitto di soppressione di stato – “l’interesse del figlio minore a vivere e a crescere nell’ambito della propria famiglia, mantenendo un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei genitori, dai quali ha diritto di ricevere cura, educazione e istruzione”. Anche per la soppressione di stato, afferma la Corte, valgono le stesse considerazioni di non necessaria “indegnità” del genitore che sono state evocate per la alterazione di stato.

La Corte sottolinea la perenne tensione in cui si trovano, da una parte, il carattere di automatismo  della sanzione accessoria e, dall’altra, le esigenze di personalizzazione del trattamento sanzionatorio e della sua necessaria finalizzazione rieducativa, per cui già la stessa Corte non aveva mancato di segnalare “l’opportunità che il legislatore ponga mano a una riforma del sistema delle pene accessorie “ (sentenza n. 134 del 2012).

All’irragionevole automatismo legale bisogna sostituire una valutazione concreta del giudice, in modo tale da assegnare all’accertamento giurisdizionale sul reato null’altro che il valore di “indice” per misurare la idoneità o meno del genitore di esercitare le proprie potestà.

La sentenza in commento si segnala anche per il  puntuale riferimento della Corte Costituzionale alla necessaria conformazione del quadro normativo agli impegni internazionali assunti dal nostro Paese sul versante pecifico della protezione dei minori. Infatti, vengono in discorso al riguardo:

–          la Convenzione sui diritti del fanciullo stipulata a New York il 20 novembre 1989 (ratificata e resa esecutiva in Itala con legge 27 maggio 1991 n. 176), il cui art. 3 primo comma stabilisce che in tutte le decisioni relative ai fanciulli di competenza sia delle istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale, dei tribunali, delle autorità amministrative o degli organi legislativi, l’interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente;

–          la Convenzione europea sull’esercizio dei diritti dei fanciulli, adottata dal Consiglio d’Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 (ratificata e resa esecutiva con legge 20 marzo 2003 n. 77), la quale stabilisce che, nei procedimenti riguardanti un minore, prima di adottare qualsiasi decisione l’autorità giudiziaria deve esaminare se dispone di informazioni sufficienti in vista di prendere una decisione nell’interesse superiore del fanciullo.

–          Le Linee Guida del Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa su una “giustizia a misura di minore”, adottate il 17 novembre 2010 nella 1098^ riunione dei delegati dei ministri. Tra l’altro, infatti, il citato documento afferma espressamente che “gli Stati membri dovrebbero garantire l’effettiva attuazione del diritto dei minori a che il loro interesse superiore sia al primo posto, davanti a ogni altra considerazione, in tutte le questioni che li vedono coinvolti o che li riguardano”.

Dopo le due sentenze anzidette, con cui la Corte Costituzionale, nel breve periodo di due anni, dichiarando la illegittimità costituzionale dell’art. 569 c.p., ha di fatto bocciato la perdita automatica della potestà genitoriale in conseguenza dei delitti ex artt. 566 e 567 c.p., è auspicabile a questo punto un intervento del legislatore preordinato alla riforma del sistema delle pene accessorie, in considerazione del preminente interesse del minore, da valutarsi caso per caso in ogni decisione che coinvolga i diritti e gli interessi dello stesso.

Scarica la sentenza della Corte Cost.sent.n.7 del 23 gennaio 2013

 

Una risposta a Corte Costituzionale: non automatica la perdita della potestà genitoriale in caso di condanna del delitto ex art. 566, secondo comma, C.P.

  • domenico palermo scrive:

    sono su questa linea di pensiero che antepone l’interesse del minore a tutto anche se si dovesse rivedere l’intera costituzione italiana e non…..complimenti all’avv. de marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Alessandra
    "Sono separata da 14 anni e mezzo e la guerra... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Per le leggi esistenti in Italia come anche all'estero la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio