Si è tenuto a Milano il convegno, organizzato dalla sezione distrettuale di Milano, dal titolo “I Matrimoni misti: profili civili e penali”.


Sono state affrontate tematiche relative alla giurisdizione, alla legge applicabile nonché al riconoscimento delle decisioni giurisprudenziali ai casi di specie e illustrati casi concreti, affrontati e decisi dal giudice penale intervenuto, Dr.ssa Gatto.


Importanti sono anche le statistiche, comunicate dal Presidente di sezione, Avv. Elena Menon, in ordine all’incremento dei matrimoni misti negli ultimi decenni: da un’indagine ISTAT , basata sui registri di Stato civile comunali, al 2008 i matrimoni misti, ovvero tra persone di provenienza geografica diversa, sono stati 36.918. Dato che rappresenta il 15% di tutte le celebrazioni.  Un fenomeno in netta espansione se si considera che nel 1995 le nozze “miste” rappresentavano solo il 4,8% dei matrimoni celebrati, ed è un fenomeno più frequente al nord e al centro, con una percentuale rispettivamente del 13,4 % e del 12%, meno frequente al sud e nelle isole.  Un fenomeno che desta qualche preoccupazione se si considera, altresì, che 8 matrimoni misti su 10 fallisce. Una frequenza superiore a quella interessante le unioni tra italiani. “


L’attestato verrà consegnato ai partecipanti che ne faranno richiesta direttamente presso la sede della sezione distrettuale di Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Fortunato Rocco Aquino
    "Caro collega che la terra ti aia liece "
    Leggi tutto...
  •  Александр
    "30 LUGLIO 2019 Con l ordinanza n. 9990 del 10.04.2019... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio