Conti pubblici: Italia maglia nera in Europa per sostegno a famiglia – Focus (Il Sole 24 Ore Radiocor) – Milano, 15 giu – Italia in coda in Europa per la spesa pubblica a sostegno della famiglia, cosi’ come e’ agli ultimi posti per l’occupazione femminile e il tasso di fertilita’. Secondo uno studio condotto dal Consiglio d’Europa, la Penisola spende solo l’1,1% del Pil per le politiche dedicate alla famiglia. Piu’ avari dell’Italia sono solo Malta (1%), Polonia (0,9%), Turchia (0,8%) e Spagna (0,7%). Al lato opposto della ‘classifica’ brillano i Paesi nordici, capeggiati dalla Danimarca che dedica il 3,9% del Pil a benefici sociali mirati alla famiglia e ai minori. Ma tra i Paesi che ‘investono’ nella famiglia si distinguono anche Austria (3%) e Francia (2,5%). Come sottolinea il rapporto, tanto piu’ elevati sono i trasferimenti sociali tanto piu’ forte e’ l’impatto nel ridurre il tasso del rischio di poverta’ come avviene in Svezia (con una spesa per la famiglia pari al 3% del Pil ottiene una riduzione del rischio di poverta’ del 17%), Finlandia (rispettivamente 3% del Pil e -16%) e Ungheria (2,4% e -17%). In Italia, invece, il loro effetto e’ assai limitato (-4%), come nota lo stesso studio. Quanto all’occupazione femminile, la Penisola con il 46,6% e’ quart’ultima (solo a Monaco, Malta e Turchia e’ inferiore), mentre in Islanda tocca il 78,6%, in Norvegia il 74% e in Danimarca il 73,2%. Il tasso di disoccupazione e’ poi assai piu’ alto tra le donne (7,9%, dati Eurostat 2008) rispetto agli uomini (intorno al 5%) ed e’ tra i piu’ elevati di tutta l’Europa, in uno scenario che vede la Spagna (13%) ad un estremo e l’Islanda (2%) all’altro. Lo studio conferma anche che la Penisola e’ agli ultimi posti per tasso di fertilita’ (1,32), di fatto maglia nera in Europa Occidentale (solo i Paesi dell’ex-blocco dell’Est hanno tassi inferiori). Sul fronte opposto la Turchia (2,17), ma anche l’Islanda (2,08), l’Irlanda (1,93) e la Francia (1,92). L’Italia si segnala anche per la disaffezione ai matrimoni: con un tasso ‘grezzo’ del 4,21 per mille e’ sest’ultima, al contrario di Turchia (8,87), Romania e Ucraina. In compenso, secondo lo studio, nella Penisola sono pochi anche i divorzi (0,8 per mille), che invece vanno per la maggiore a Monaco (8,5) e nella Federazione Russa (5,5).


 


Lineaedp PMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio