La Questura di Milano rilascia il permesso di soggiorno a un serbo che ha sposato all’estero un italiano.


Anche se la legge italiana non riconosce il matrimonio omosessuale è stato riconosciuto a un cittadino serbo il diritto di vivere in Italia con il suo compagno, un  italo-canadese, con cui ha contratto matrimonio all’estero.


I due si sono sposati in Canada due anni fa, ma poi si sono trasferiti in Italia. Rivoltisi alla Questura di Milano per il rilascio del permesso di soggiorno del cittadino serbo, questo è stato ottenuto  per motivi familiari, poiché le norme sulla libera circolazione dei cittadini europei e dei loro familiari tutela la loro l’unione. 
In un caso analogo la Questura  di Reggio Emilia aveva infatti respinto la domanda, sostenendo che non poteva riconoscere uno status estraneo all’ordinamento italiano.       

E’ così stato confermato che il coniuge dello stesso sesso, a prescindere dal non riconoscimento del matrimonio contratto all’estero, ha comunque il diritto di risiedere regolarmente in Italia perché considerato famigliare di cittadino comunitario in base alle norme sulla libera circolazione in Europa, recepite in Italia con il d.lgs. n. 30/2007, e ai pronunciamenti della Corte europea dei diritti dell’uomo sull’argomento.   

Le linee guida emanate dalla Commissione europea per una migliore trasposizione della direttiva sulla libera circolazione, n. 2004/38 (COM 2009 – 313), sottolineano che ai fini dell’applicazione della direttiva devono essere riconosciuti, in linea di principio, tutti i matrimoni contratti validamente in qualsiasi parte del mondo.


Avv. Claudio Sansò


Coordinatore AMI NAZIONALE

0 risposte a Coniuge dello stesso sesso? Sì al permesso di soggiorno

  • arnaldo scrive:

    Credo che questa sia una conquista della cività, e sopratutto il modo per tutelare nello stesso modo coloro che si vogliono bene.

Rispondi a arnaldo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Fortunato Rocco Aquino
    "Caro collega che la terra ti aia liece "
    Leggi tutto...
  •  Александр
    "30 LUGLIO 2019 Con l ordinanza n. 9990 del 10.04.2019... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »
Nov
25
mer
10:30 Webinar: 25 novembre – giornata... @ webinair Roma
Webinar: 25 novembre – giornata... @ webinair Roma
Nov 25@10:30–12:30
Webinar:  25 novembre - giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne @ webinair Roma
La partecipazione all’evento formativo è riservato a chi è registrato alla NEWSLETTER giuridica gratuita di StudioCataldi.it (per i non iscritti, la registrazione al corso comporta anche la registrazione alla newsletter da cui è però possibile[...]
Nov
26
gio
16:00 FINE VITA: QUESTIONI APERTE @ Webinair Lecce
FINE VITA: QUESTIONI APERTE @ Webinair Lecce
Nov 26@16:00–18:00
FINE VITA: QUESTIONI APERTE @ Webinair Lecce
Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Nov
30
lun
15:00 “LA DEONTOLOGIA NEL DIRITTO DI F... @ webinair Ancona
“LA DEONTOLOGIA NEL DIRITTO DI F... @ webinair Ancona
Nov 30@15:00–18:00
"LA DEONTOLOGIA NEL DIRITTO DI FAMIGLIA" (civile, penale, minorile, tutela, curatela e amministrazione di sostegn @ webinair Ancona
Evento in fase di accreditamento per n. 4 crediti di cui n. 2 in deontologia Al webinar si accede tramite la piattaforma zoom dello studio cataldi iscrivendosi alla sua newsletter, anche ai fini del rilascio[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio