La Cassazione, con sentenza n. 9235/2011, ha convalidato la pena comminata dalla Corte di Appello di Roma nei confronti di un investigatore privato il quale, su mandato di un marito tradito doveva seguire la moglie e filmarla. Questi, dopo essere entrato nella casa dell’amante di lei ha filmato il rapporto sessuale tra la donna e l’amante, cedendolo poi al marito. Per tale ragione l’investigatore privato della capitale è stato condannato per interferenze illecite nella vita privata (art 615, III comma, cp), poiché nella citata qualità, riprendeva indebitamente, mediante l’ausilio di strumentazioni elettroniche audiovisive, l’amplesso.


 


Secondo la Suprema Corte la condotta va oltre la violazione di domicilio, in quanto «nel caso della interferenza nella  vita privata viene insidiata» anche «la riservatezza delle condotte  individuali o sociali (dunque dei rapporti umani) che in tali luoghi si svolgono».


 


Avv. Claudio Sansò


Presidente AMI SALERNO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio