In data 25 aprile 2009, una Associazione “ANFI” pubblicava, attraverso vari blogs, un comunicato “ufficiale” attraverso il quale coinvolgendo l’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone,dei Minorenni e della Famiglia) rivendicava il monopolio del termine “familiaristi”.


Appare inevitabile una replica da parte dell’AMI.


Ecco il testo integrale del comunicato, intervallato da nostre considerazioni in grassetto: 


                                                                                


“COMUNICATO UFFICIALE”


Del 25 Aprile 2009


 


Il Direttivo Nazionale dell’A.N.F.I. – Associazione Nazionale Familiaristi italiani-, con sede a Roma in Via Trionfale, rende noto che da qualche tempo il termine familiarista, adottato dalla nostra Associazione sin dalla sua nascita viene in seguito usato impropriamente da altri soggetti che nulla hanno in comune con ANFI, ingenerando così confusione.


L’attuale giovanissimo responsabile della neonata Anfi è  stato socio ordinario dell’AMI e a tutt’oggi non ci è pervenuta alcuna sua formale comunicazione di dimissioni dalla nostra Associazione.


Tale “ANFI”, il cui direttivo  non risulta essere noto dal suo portale, ritiene di avere l’esclusiva di utilizzare il termine “familiaristi”.


Per familiarista (così come divorzista, matrimonialista) si intende colui che si occupa di problematiche familiari. Non esiste né può esistere  un copyright.


Tutti gli avvocati che si occupano di diritto di famiglia sono di per sé familiaristi, matrimonialisti o divorziisti. Al di là delle sigle, pertanto, tali termini non sono appannaggio esclusivo di una specifica associazione!!!


E’ evidente che sia proprio questa giovane associazione che voglia  ingenerare equivoci atteso che nel ginepraio di associazioni che – ogni giorno- nascono e muoiono nel nostro Paese, figurano almeno un centinaio di associazioni che si occupano di diritto familiare.    


Tra le associazioni (realmente nazionali) spiccano l’AMI, L’AIAF, L’Osservatorio sul Diritto di Famiglia, Camere Minorili, etc.


Si tratta di vere Associazioni, radicate a livello capillare sull’intero territorio nazionale, composte da diverse migliaia di avvocati familiaristi di assoluto livello e prestigio.


L’anfi, costituitasi da pochi mesi,, intende avere l’esclusiva….. e osa dolersi di un uso “improprio” del termine familiarista da parte nostra (ed indirettamente dell’Osservatorio Nazionale sul diritto di famiglia, il cui Presidente – Gianfranco Dosi – ne è degno presidente ).


Ogni ulteriore commento su tale situazione  appare superfluo…..


     


L’A.N.F.I. è l’unica Associazione Nazionale Italiana di familiaristi; peraltro, la sua peculiarità è la interdisciplinarietà e la partecipazione ad essa di tutte le figure professionali (avvocati, psicologi, mediatori familiari, assistenti sociali, pedagogisti) che, a vario titolo, si occupano della famiglia e dei minori.


 


Anche questa è una affermazione del tutto falsa e fuorviante. L’AMI è stata ed è la prima Associazione Forense multidisciplinare, tanto è vero che possono aderirvi tutte le figure professionali che a vario titolo di occupano di problematiche familiari e minorili nel quadro della ricerca di un linguaggio comune tra avvocati e consulenti (vedi statuto dell’Associazione).


Le nostre numerosissime manifestazioni formative hanno dato spazio in ugual misura a giuristi e ad altre figure professionali. 


L’anfi  non può permettersi di fare simili affermazioni auto celebrative, atteso che esiste da pochissimo tempo e deve ancora dimostrare con i fatti ciò che ha dichiarato di essere e rappresentare nel comunicato      


Dobbiamo purtroppo rilevare che, poco dopo il varo del nostro sito web in data 29.12.2008, l’A.M.I. – Associazione Matrimonialisti Italiani- ha registrato a suo nome i domini www.familiaristi.it e www.familiaristiitaliani.com. Nel sito di tale associazione, con grande velocità, è comparsa la singolare espressione “familiaristi italiani  (o matrimonialisti)”.


Per questa affermazione vale quanto sopra evidenziato. Piuttosto appare interessante segnalare che il responsabile dell’anfi ha dato vita ad un blog www.avvocatifamiglia.it  che ingenera davvero confusione con un sito gemellato con l’AMI che è www.avvocatiefamiglia.org , giornale on-line che esiste da  5 anni, dedicato peraltro ad un padre come Angelo Ogliari, ucciso per aver rivendicato la propria paternità.


Anche su questo è meglio stendere un velo pietoso.   


 


Tralasciando ogni considerazione circa l’opportunità e la volontarietà, o meno, di simili scelte, che oggettivamente ingenerano confusione, il risultato di tale azione è quello che le due associazioni, ANFI e AMI, diventano indistinguibili l’una dall’altra.


 


Se c’è un Associazione che teme che si possano ingenerare confusioni questa è l’AMI, ormai radicata sul serio su gran parte del Territorio Nazionale con migliaia di iscritti e simpatizzanti. Sarà cura della nostra  Associazione fare in modo che non vi possa mai essere una confusione.


L’AMI si pregia di avere tra le sue fila Docenti quali Mario Covelli (Fondatore dell’Unione Camere Minorili), Mario Alberto Ruffo, e familiaristi del livello di  Cesare Rimini e dei vari presidenti delle sezioni distrettuali e territoriali dell’AMI che quotidianamente portano il loro prezioso contributo al diritto di famiglia  e minorile.     


 


Proprio per evitare questa commistione, è quanto mai opportuno precisare, in questa sede, che l’A.N.F.I. è un’associazione interdisciplinare che ha come suoi obiettivi lo sviluppo di una cultura della Bigenitorialità e il sostegno alla mediazione familiare, avvalendosi del contributo di diverse discipline.


 


Altra goffa falsità. Da sempre l’AMI e tante altre Associazioni mirano alla salvaguardia della bigenitorialità e alla modifica della L.54/06 nella parte in cui non ha previsto l’intervento del mediatore familiare ante causam.


Basti pensare che soci onorari, nonché relatori in ogni manifestazione dell’AMI, sono Maurizio Paniz e Bruno De Filippis, padri dell’affidamento condiviso. La nostra Associazione è anche gemellata con l’ISP (Istituto Studi sulla Paternità, il cui presidente è Maurizio Quilici).     


La nostra non  è un’Associazione di soli avvocati, o psicologi, o di altra singola categoria.


 


L’AMI può,semmai, rivendicare questa caratteristica  e non altri (vedi statuto)  


Tuttavia la nostra Associazione cura i diritti di tutti, senza cercare di intercettare simpatie o benevolenze. La  neutralità è la sua forza.


La nostra Associazione,proprio in ossequio alla propria reale interdiipliinarietà, ha creato il Centro Studi Criminologici a Roma, la cui responsabile è la dott.ssa Cesira Cruciani, mentre il Prof. Vincenzo Maria Mastronardi (che avvocato non è) è socio onorario della nostra Associazione.    


 


Pertanto, con il presente comunicato, si ribadisce a tutti i soci e agli utenti che dovessero ricercare la nostra struttura tramite il web, che l’A.N.F.I. è l’unica Associazione Nazionale dei Familiaristi italiani, distinguendosi in ciò nettamente da AMI alla quale ANFI non è legata da alcuna caratteristica, iniziativa, collaborazione e condivisione di contenuti e metodologie associative.


Il Direttivo Nazionale A.N.F.I.


Questa è l’unica parte del comunicato in questione che ci trova perfettamente d’accordo. Non c’è nulla che lega l’AMI a questa nuova associazione, soprattutto sul piano delle metodologie associative !!!


ROMA il  4 maggio 2009


                                                Avv. Gian Ettore Gassani


                                             Presidente Nazionale dell’AMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mag
23
gio
14:30 Le nuove frontiere dell’avvocato... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Le nuove frontiere dell’avvocato... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Mag 23@14:30–18:30
Le nuove frontiere dell'avvocato familiarista: il mediatore familiare e il consulente di comunicazione...istruzioni per l'uso @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Evento accreditato dal COA di Bologna (4 crediti formativi di cui 2 in deontologia forense). Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
7
ven
15:30 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
Giu 7@15:30–18:30
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRUTTURA E PRASSI @ Sala Convegni — Palazzo Sales
L’evento è in corso di accreditamento presso il C.O.A. di Trapani e l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Siciliana. La partecipazione è gratuita. Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. nlocandina evento AMI Erice[...]
Giu
13
gio
14:30 “La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
“La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
Giu 13@14:30–18:30
“La famiglia da isola che il mare del diritto doveva solo lambire a terra di conquista” @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
L’evento è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Biella (3 crediti formativi). E’ possibile iscriversi inviando una Mail a: avv.chiara.reposo@studiolegalereposo.it o un fax al: 0142.690319 Convegno Biella  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio