Una risposta a COMUNICATO CONGIUNTO ASSOCIAZIONI FAMILIARISTE A TUTELA DEL DIRITTO DI FREQUENTAZIONE GENITORI/FIGLI

  • Laura Barnaba scrive:

    Stiamo vivendo un momento drammatico, il più difficile per il Paese dal secondo dopoguerra, secondo quanto affermato dal Presidente Conte. Un momento in cui tutti siamo chiamati a SACRIFICI, tutto quelli necessari, tutti quelli che possiamo fare in vista del bene comune. In questo contesto che senso ha spostare un bambino/una bambina dalla casa del genitore dove il bambino/la bambina risiede a casa dell’altro, soprattutto se ci sono altre persone in casa. Si va indubbiamente aumentando la possibilità di veicolare il virus. In questo contesto i genitori più responsabili stanno rinunciando alla frequentazione di persona e mantengono i contatti per telefono, via internet, etc. Chiaramente si tratta di una rinuncia per il genitore e per il figlio/la figlia, mentre l’altro genitore compensa con maggiori impegni di cura. Anche alcuni genitori che lavorano in ospedale stanno limitando i rapporti con i figli per timore di contagiarli. Credo che questo sia il sacrificio che ci viene richiesto in questo momento. Come è limitato il diritto allo studio, rimandate tutte le cure mediche non di massima urgenza, e tanti diritti di tutti. Accanirsi a far rispettare sentenze pensate per condizioni di normalità denota a mio parere denota immaturità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio