Il Ministero dell’interno fornisce le istruzioni alle Prefetture per evitare la “strumentalizzazione dell’istituto della riconciliazione”.


A due anni dalla legge 15 luglio 2009, n. 94, che ha modificato – restringendole – le condizioni per ottenere la cittadinanza italiana per matrimonio, il Ministero dell’interno ha diramato una circolare per chiarire i numerosi dubbi applicativi della nuova normativa ancora irrisolti.
In particolare viene affrontata la questione della “riconciliazione” e cioè della “riappacificazione” tra i coniugi dopo una separazione personale, giudiziaria o consensuale omologata.
L’articolo 5 della legge sulla cittadinanza ora prevede che “1. Il coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano può acquistare la cittadinanza italiana quando, dopo il matrimonio, risieda legalmente da almeno due anni nel territorio della Repubblica, oppure dopo tre anni dalla data del matrimonio se residente all’estero, qualora, al momento dell’adozione del decreto di cui all’articolo 7, comma 1, non sia intervenuto lo scioglimento, l’annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio e non sussista la separazione personale dei coniugi. 2. I termini di cui al comma 1 sono ridotti della metà in presenza di figli nati o adottati dai coniugi”.
Cosa accade se dopo la separazione i coniugi manifestano l’intenzione di ricostruire la loro unione?
Un esempio: la coppia “mista” si separa quando il coniuge straniero ha già maturato due anni di residenza post matrimoniale ed ha presentato domanda di cittadinanza italiana. Però, in base alle nuove regole, non sarà possibile ottenere la cittadinanza in quanto, come recita l’articolo 5 della legge n. 91/1992, la separazione impedisce l’adozione del decreto di riconoscimento. Per superare l’ostacolo la coppia potrebbe ricorrere alla “riconciliazione”, ricostruire il rapporto matrimoniale ed evitare il rigetto della domanda; poi, di nuovo ognuno per la sua strada.
Per scoraggiare simili espedienti il Ministero ha chiarito che la “riconciliazione” dovrà essere “espressa” e cioè annotata nell’atto di matrimonio. In secondo luogo – il più rilevante – i termini (due anni o gli altri previsti dall’art. 5) dovranno essere conteggiati ex novo a partire dalla data della “riconciliazione”. Infine, fa notare il Ministero, in questi casi (così come in tutte le altre istruttorie di cittadinanza per matrimonio) il solo dato formale della celebrazione del matrimonio tra cittadino italiano e straniero non può mai essere sufficiente e le prefetture dovranno verificare l’effettività del rapporto “con le sue concrete connotazioni tipiche: fedeltà, assistenza, collaborazione e coabitazione … tale da dimostrare l’integrazione dello straniero nel tessuto sociale e civile nazionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio