Foto Iniziale

Il padre che parla male della madre perda l’affidamento condiviso (diagnosi di PAS)

Il genitore che parla male dell’altro, dinanzi ai figli,  può subire la modifica dell’affidamento condiviso. E’ quanto sancito dalla Corte di cassazione  (Sezione I civile – Sentenza 8 marzo 2013 n. 5847). Un padre di Catania, dopo aver avuto l’affidamento dei bambini, l’assegnazione della casa coniugale e il pagamento dell’assegno da […]

Inserito da
Foto Iniziale

Quando è lei che mantiene lui

“il radicale cambiamento dei costumi del nostro Paese e la costante crescita professionale delle donne stanno lentamente quanto inesorabilmente cambiando i provvedimenti giurisdizionali e relativi orientamenti giurisprudenziali in materia di assegno di mantenimento e alimentare”, così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani.   “Se fino agli […]

Inserito da

E’ PERSEGUIBILE PENALMENTE IL MARITO CHE TAGLIA I CAPELLI ALLA MOGLIE CONTRO LA SUA VOLONTA’

La quinta sezione penale della Cassazione, con sentenza n. 10413, depositata il 06.03.2013, ha esaminato un caso singolare, quello di  un uomo trentanovenne – appartenente all’Arma dei Carabinieri – che aveva imposto alla moglie il taglio dei capelli a seguito di una lite per gelosia. La Cassazione ha confermato la […]

Inserito da
Foto Iniziale

AVVOCATI IN DIFESA DEI DIRITTI UMANI ARRESTATI IN TURCHIA: VERGOGNA INTERNAZIONALE!

Pubblichiamo una circolare diffusa dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Bologna a firma del Presidente Avv. Callegaro, che la Collega Katia Lanosa (Tesoriere nazionale dell’AMI) ci ha inviato.     “Cari Colleghi, un nostro Collega e membro del Direttivo dell’Union Internationale des Avocats con l’incarico specifico di addetto alla “Défense […]

Inserito da
Foto Iniziale

Espulsi. Il matrimonio “non basta” per rientrare in Italia

Corte di Cassazione Penale. Sentenza n. 7912 del 4 febbraio 2013 – Chi è stato espulso dall’Italia e rientra nel territorio nazionale senza l’autorizzazione del Ministero dell’Interno commette un reato. Anche se si tratta di un coniuge di cittadino italiano, bisogna dimostrare l’effettiva convivenza, oltre ad ottenere l’autorizzazione del Ministero […]

Inserito da