Se moglie e marito litigano spesso e “fanno a gara” a chi riesce ad avere l’ultima parola, in caso di separazione nessuno dei due ha diritto ad addebitare all’altro la colpa del fallimento del matrimonio.


La Cassazione ha confermato le decisioni con le quali sia il tribunale di Parma che la Corte d’appello di Bologna avevano respinto le richieste “incrociate” di una coppia di ex coniugi ciascuno dei quali chiedeva che la colpa della separazione fosse addebitata all’altro.
I giudici della prima sezione civile, con la sentenza 13185, hanno precisato che quando entrambi i coniugi “partecipano in modo attivo alle liti coniugali” si può “escludere che l’intollerabilità della convivenza sia ascrivibile ad uno solo dei due in misura tale da giustificare una pronuncia di addebito”. In sostanza, se il matrimonio è “un inferno” la colpa è sempre di tutti e due e dunque, in caso di separazione, la moglie non può pretendere un assegno “maggiorato” e il marito non ha motivo di chiedere la riduzione dell’importo fissato dal giudice e nemmeno l’affidamento congiunto della figlia come conseguenza del “cattivo comportamento” della ex.


La vicenda sulla quale la Cassazione ha messo la parola fine, dichiarando inammissibile il ricorso presentato dalla ex moglie, aveva avuto inizio nel 2005 quando i giudici di primo grado, respingendo la domanda di separazione con addebito presentata dalla donna, avevano affidato la figlia minore alla mamma fissando in 1291 euro al mese l’assegno di mantenimento. Una pronuncia che scontenta tutti: lei chiede in appello di aumentare l’assegno fino a 2.500 euro, lui pretende di dimezzarlo e di ottenere l’affidamento congiunto della bambina. Anche in questo caso la Corte d’appello respinge le tesi di entrambi gli ex coniugi che intanto, nel corso del giudizio, continuano a litigare arrivando a presentare reciprocamente denunce e querele per maltrattamenti. E’ la donna a ricorrere in Cassazione lamentandosi, tra l’altro, del fatto che i giudici di merito non avevano tenuto in nessuna considerazione le denunce. Ma anche su questo punto la Suprema Corte è d’accordo con i colleghi bolognesi: le denunce, scrive la Cassazione, “non sono state ancora decise e comunque – precisa la Corte – erano tutte successive alla comparizione dei coniugi davanti al presidente del tribunale per il tentativo di conciliazione”. Come dire: un conto è non mettersi d’accordo, altra cosa è esasperare i toni nella speranza di avere ragione.


IL VELINO.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Nov
21
gio
15:00 Bullismo e cyberbullismo, i nuov... @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Bullismo e cyberbullismo, i nuov... @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Nov 21@15:00–19:00
Bullismo e cyberbullismo, i nuovi volti della violenza tra i giovani @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Evento in via di accreditamento dal COA di Perugia locandina convegno 21.11.2019Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Nov
29
ven
09:00 XI CONGRESSO NAZIONALE AMI – LE ... @ Residenza di Ripetta - Roma
XI CONGRESSO NAZIONALE AMI – LE ... @ Residenza di Ripetta - Roma
Nov 29@09:00–Nov 30@18:00
XI CONGRESSO NAZIONALE AMI - LE PERSONE NELLA RETE: "CONNESSIONE AD ALTO RISCHIO" @ Residenza di Ripetta - Roma
Scarica AMI_ManiROMA_Unico_ev (3) AMI – XI CONGRESSO NAZIONALE_ev (1) Programma Congresso   EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio