Ecco una sentenza che susciterà diverse polemiche: è legittima la dichiarazione di adottabilità dei figli nati da una coppia che, pur vivendo di stenti, continua a procreare. Ciò significa che i figli che vivono in condizioni economiche disagiate a causa dei loro genitori e che continuano irresponsabilmente a fare figli, possono essere adottati. Formalmente la pronucia sembrerebbe contrastare quanto previsto dalla Convenzione dell’Aja del 93 nonchè dall’art 1 della legge 184/83 che sancisce come ” Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell’ambito della propria famiglia. Le condizioni di indigenza dei genitori o del genitore esercente la potesta genitoriale non possono essere di ostacolo all’esercizio del diritto del minore alla propria famiglia. A tal fine a favore della famiglia sono disposti interventi di sostegno e di aiuto”.
In sostanza la Suprema Corte è giunta a tale conclusione poichè ha ritentuo  la coppia  irresponsabile, inaffidabile e non in grado di curare i minori in quanto, nonstante la famiglia versasse in gravi difficoltà economiche e vivesse di stenti, continuava a procreare figli per avere un figlio maschio. La sentenza n. 24589 del 21 novembre 2009 ha, pertanto, confermato lo stato di adottabilità delle quattro figlie minori.


Avv. Claudio Sansò



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

Convegno Ami 4 ottobre 2019

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio