(AGI) – Roma, 7 lug. – Il nomade che costringe i propri figli, o parenti minorenni, a compiere furti va sottoposto a una custodia cautelare in carcere per il reato di riduzione in schiavitu’. Lo si evince da una sentenza con cui la Cassazione ha confermato un’ordinanza del tribunale del Riesame di Trieste, che aveva disposto la misura cautelare del carcere nei confronti di un uomo ed una donna di etnia rom, indagati per furto pluriaggravato continuato e riduzione in schiavitu’ di 5 minorenni, loro figli o comunque membri del nucleo familiare. I due avevano presentato ricorso alla Suprema Corte, poiche’, a loro dire, il tribunale non aveva considerato che i bambini in questione erano loro stretti congiunti, e che non erano sottoposti a “un regime di totale soggezione” e che su di essi “non erano stati riscontrati segni di violenza”, per cui non era ravvisabile l’ipotesi di riduzione in schiavitu’ prevista dall’articolo 600 del codice penale.


Gli ‘ermellini’, dopo aver rilevato che da intercettazioni telefoniche emergeva anche che i due indagati avevano deciso di “dare in prestito” uno dei bimbi a una persona non identificata, hanno dichiarato inammissibile il ricorso dei due nomadi osservando che “il fatto che si trattasse di figli o di appartenenti al nucleo familiare non muta evidentemente i termini della questione perche’ il reato di cui trattasi si consuma quando l’agente tratti ‘uti dominus’ una persona, familiare o non familiare che sia”. Nel caso di specie, si legge nella sentenza n.25192, “vi e’ stato un chiaro abuso di autorita’ ed un approfittamento delle condizioni di inferiorita’ fisica e psichica dei minori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Alessandra
    "Sono separata da 14 anni e mezzo e la guerra... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Per le leggi esistenti in Italia come anche all'estero la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
19
ven
14:00 50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
Ott 19@14:00–19:30
50 sfumature di violenza intrafamiliare - esperienze a confronto @ Residenza di Ripetta -  Sala Bernini - ROMA | Roma | Lazio | Italia
Evento formativo in via di accreditamento dall’Ordine degli Avvocati di Roma. AMI_Mani_Violanza09_2018 Scarica la Scheda d’iscrizione  Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio