I giudici di legittimità l’hanno deciso con la sentenza n. 10939 del 21 marzo 2012, giunta nella fase finale di una delicata vicenda che aveva per protagonista un uomo condannato in appello per i reati di maltrattamento, estorsione e tentata estorsione in danno della zia convivente e tutrice.
L’imputato aveva poi proposto ricorso per Cassazione assumendo che in sede di merito non era stata fatta una corretta valutazione dell’elemento soggettivo di cui all’art. 572 del codice penale, e che peraltro secondo la giurisprudenza della stessa Corte di legittimità la mera reiterazione degli atti lesivi non era di per sé sufficiente a far ritenere la sussistenza del suddetto elemento, in considerazione della natura abituale del reato.
Nel ricorso l’imputato, quindi, a mezzo del suo difensore, affermava che nella specie si sarebbe trattato unicamente di condotte estemporanee ed occasionali, incapaci di dare corpo alla fattispecie contestata.
Ma la seconda sezione penale della Cassazione ha respinto il ricorso precisando che « nel delitto di maltrattamenti in famiglia il dolo è generico, sicché non si richiede che l’agente sia animato da alcun fine di maltrattare la vittima, bastando la coscienza e volontà di sottoporre la stessa alla propria condotta abitualmente offensiva: ciò in quanto 


la sussistenza dell’elemento soggettivo del reato di maltrattamenti non implica l’intenzione di sottoporre il convivente, in modo continuo ed abituale, a una serie di sofferenze fisiche e morali, ma solo la consapevolezza dell’agente di persistere in un’attività vessatoria».
Inoltre, continuano i giudici, lo stesso imputato non aveva negato il dato obiettivo della reiterazione degli atti lesivi ma si era limitato a sostenere che questi non erano sorretti dall’intenzionalità della vessazione; ma poiché l’elemento soggettivo del reato è il dolo generico, tanto basta a configurare la fattispecie lesiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Fortunato Rocco Aquino
    "Caro collega che la terra ti aia liece "
    Leggi tutto...
  •  Александр
    "30 LUGLIO 2019 Con l ordinanza n. 9990 del 10.04.2019... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »
Feb
5
ven
15:00 “Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
“Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
Feb 5@15:00–18:00
“Il Conflitto familiare – Riflessioni giuridiche e psicologiche” @ Pescara - webinair
Per l’evento verrà presentata richiesta di accreditamento al CNF per il riconoscimento crediti formativi per la formazione professionale continua Avvocati. Per prenotarsi occorre effettuare la registrazione al seguente link https://us02web.zoom.us/webinar/register/ WN_Y8G1q528Swu9hQl6m5HQWw . La partecipazione è[...]
Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 14:00 alle 17:00), 34 moduli[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio