Picchiare la propria moglie, o convivente, per educarla a diventare una brava donna di casa, esperta nella “gestione” domestica, è un delitto che non consente alcuno sconto di pena.


In pratica il marito, o compagno, che adotta un simile ‘metodo’ nel rapporto con la sua partner non può invocare le circostante attenuanti di aver agito così per finalità ‘educativo’. Lo sottolinea la Cassazione – nella sentenza 32843 – che ha confermato la condanna, con rito abbreviato, a un anno e sei mesi di reclusione nei confronti di un uomo di 51 anni, che maltrattava con percosse e lesioni la sua convivente. L’uomo, che ha sempre ammesso gli episodi continuati di violenza, ha sostenuto che il suo obiettivo era quello di “indurre la sua compagna ad osservare regole di comportamento ispirate ad un modello ideale di gestione familiare” e di non aver mai voluto “vessare ed umiliare” la sua compagna, ma solo ‘educarla.
Ma questa tesi difensiva, sostenuta fin dal processo di primo grado, e poi innanzi alla Corte d’appello di Torino, non ha ricevuto alcuna accoglienza in Cassazione che ha fatto presente all’imputato che il “fine educativo” di questo “comportamento” non può in alcun modo attenuare la condanna. Così il ricorso è stato dichiarato inammissibile con condanna al pagamento di mille euro alla Cassa delle ammende.


L’UNIONE SARDA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio