(AGI) – Roma, 8 feb. – Chiedere la separazione e’ “un diritto”, nel caso in cui un matrimonio sia divenuto “infelice”, per “disaffezione” anche di uno solo dei coniugi, tale da rendere “intollerabile” la convivenza. A scriverlo e’ la Cassazione, che ha cosi’ rigettato il ricorso di un uomo che sollecitava l’addebito della separazione alla ex moglie, la quale, a 70 anni – di cui quasi 50 passati in un matrimonio “nel complesso non felice” – aveva deciso di lasciare la casa coniugale. Il marito aveva presentato ricorso in Cassazione per chiedere l’annullamento della sentenza con cui la Corte d’appello di Firenze aveva escluso l’addebito della separazione alla ex moglie. I giudici di secondo grado, infatti, avevano ritenuto che “l’abbandono, a un’eta’ – 70 anni – in cui semmai piu’ naturale e’ il bisogno di vicinanza e di solidarieta’ morale e materiale e dopo quasi 50 anni di un matrimonio nel complesso non felice, come dimostrato anche da una risalente separazione poi rientrata, trovava la sua ragione appunto in quella infelicita’, almeno per la signora, nella quale ella, alla fine, non aveva avuto piu’ la forza di continuare a vivere”.
  Nessuno, aveva sottolineato la Corte d’appello, “puo’ essere obbligato a mantenere una convivenza non piu’ gradita” e “il disimpegnarsi da questa” e’ “un diritto costituzionalmente garantito e non puo’, di per se’, essere fonte di riprovazione giuridica e quindi causa di addebito della separazione”. La prima sezione civile della Suprema Corte ha condiviso la tesi di giudici d’appello: non ha rilevanza il fatto che il marito non abbia tenuto “doveri contrari al matrimonio” come da lui sottolineato nel ricorso, ma basta la verifica della “disaffezione maturata dalla sola moglie”. Tale “disaffezione”, secondo gli alti giudici, e’ dimostrata sia dalla “pregressa, risalente separazione dei coniugi”, indice “di una unione non felice”, sia dall’eta’ (70 anni) della signora nel momento in cui abbandono’ la casa coniugale, fatto che, si legge nella sentenza, dimostra come “l’infelicita’ avesse superato, per lei, il limite della tollerabilita’, perche’ ad un’eta’ avanzata si ha in genere bisogno di stringersi ai propri cari, per riceverne solidarieta’ morale e materiale, piuttosto che allontanarsene”. (AGI) .

Una risposta a Cassazione: matrimonio infelice? “Separarsi e’ un diritto”

  • Anna maria scrive:

    Nessun uomo o donna deve permettere ad una seconda persona di renderlo/a…purtroppo questo succede sovente nelle famiglie ma nessuno ha il coraggio di prendere posizione e cambiare vita.Brava alla signora…prima di tutto la dignità e la felicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio