Con la sentenza n. 17465, emessa dalla I sezione civile della corte di cassazione, il 22 agosto scorso, ha respinto il ricorso di una donna che non riconosceva la delibazione della nullità di matrimonio emessa dal tribunale ecclesiastico di Reggio Emilia. 
Secondo i giudici di Piazza Cavour, infatti, la sentenza ecclesiastica che abbia confermato la nullità del matrimonio per esclusione da parte di uno dei due coniugi dei cosiddetti bona matrimoni, va accolta poiché il marito non avrebbe mai tenuto, con la sua condotta, fede ai vincoli di indissolubilità del matrimonio. 
Invano la signora si è opposta dichiarando di essere all’oscuro – come si legge nella sentenza- “dell’esclusione dell’indissolubilità del vincolo” da parte del futuro coniuge. Secondo i giudici della Cassazione gli indizi c’erano, eccome. Sarebbe stato sufficiente usare la “ordinaria diligenza”, ovvero il buon senso, per scoprire attraverso  una serie di comportamenti quale fosse il valore attribuito a quel matrimonio dall’ex marito.
Per esempio, la rottura repentina del fidanzamento a causa di una sua relazione con un’altra donna. Poi, “i  tratti caratteriali” e cioè l’essere lui “sensibile al fascino di altre donne e alieno da legami stabili e duraturi”. Infine, il modo in cui ha affrontato il capitolo gravidanza. Quello che è stato definito “lo sconcerto” del futuro marito di fronte alla inattesa notizia, ed i rimedi cercati: “una riunione generale delle due famiglie per decidere il da farsi”, erano altrettanti strumenti inequivocabili per capire. E siccome la soluzione “all’italiana” fu “l’induzione al matrimonio” della donna, mentre in contemporanea e “in varie sedi” il futuro marito veniva confortato con la possibilità di un prossimo divorzio, non vi sarebbe stata alcuna violazione  del principio dell’affidamento negoziale incolpevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Francesco
    "Sono un padre separato da 10 anni....volevo rispondere a Massimiliano....come... "
    Leggi tutto...
  •  michele
    "sono separato dal 1991 e divorziato dal 2006 ho sempre... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Gen
12
sab
09:30 Corso di formazione: Le tracce b... @ Roma - via Casilina 233
Corso di formazione: Le tracce b... @ Roma - via Casilina 233
Gen 12@09:30–Giu 9@15:00
Corso di formazione: Le tracce biologiche sulla scena del crimine @ Roma - via Casilina 233
Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Mar
8
ven
09:00 8 marzo, 365 giorni l’anno @ Roma - Residenza di Ripetta
8 marzo, 365 giorni l’anno @ Roma - Residenza di Ripetta
Mar 8@09:00–19:00
8 marzo, 365 giorni l'anno @ Roma - Residenza di Ripetta
Evento in via di accreditamento da parte del COA di Roma. Scheda d’iscrizione 8 marzo 2019 Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Mar
15
ven
15:30 ADOZIONE: TRA NUOVE SFIDE E CRIT... @ Sala Open Space Palazzo Carafa - Lecce
ADOZIONE: TRA NUOVE SFIDE E CRIT... @ Sala Open Space Palazzo Carafa - Lecce
Mar 15@15:30–18:30
 Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio