Lui uno stimato professionista con studio e carriera da commercialista avviatissimi.

Lei con un recente passato di detenzione per reati contro il patrimonio e licenza media.

La sentenza in questione, n.16957 del 3.7.2013, ha completamente bypassato ogni valutazione sullo stile di vita dei coniugi, limitandosi a fissare un concetto già espresso in numerose altre sentenze che è quello dell’impossibilità di procurarsi mezzi economici adeguati.

Nessun rilievo per una serie di circostanze quali la responsabilità della ex moglie nel fallimento dell’unione o il completo disinteresse per l’unico figlio affidato in via esclusiva al padre.

Vale, anche in questo caso, la disparità reddituale e il “passato” da ex reclusa che rappresenta un limite, definito “oggettivo” dalla Cassazione, all’inserimento lavorativo.

Assegno divorzile concesso e valutato come assegno alimentare pertanto non ancorato alle disponibilità del marito ma solo allo stato di bisogno della moglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio