Respinto il ricorso di un marito che citava il Corano La Suprema Corte: ininfluenti convinzioni religiose del marito.


I mariti di fede islamica non sono autorizzati dal loro credo religioso a maltrattare le proprie mogli. Anzi, i loro stessi precetti prescrivono ai mariti di non usare violenza alle donne.
Lo sottolinea la Cassazione – sentenza 32824 – respingendo la tesi di un marito musulmano, residente a Forlì, che maltrattava la moglie sostenendo che lo prescrive il Corano. Nel confermare la condanna a dieci mesi di reclusione per il reato di maltrattamenti (lesioni e minacce) nei confronti della moglie, la Suprema Corte osserva che “la fede islamica, ove pure non sancisca la parità dei sessi nel rapporto coniugale, tuttavia non autorizza i maltrattamenti da parte del marito e, anzi, pone a fondamento della sua autorevolezza proprio il dovere di astenersene”. Comunque sia, la Cassazione conclude dicendo che le “convinzioni religiose” dei mariti sono “ininfluenti” quando si tratta di giudicare i loro comportamenti.


IL MESSAGGERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio